Fiscalità,  Fiscalità internazionale,  Immobili,  Patrimonio,  Unione Europea

Comprare casa in Inghilterra – Fiscalità

Brexit o non Brexit, l’Inghilterra continua ad alimentare i sogni di trasferimento di tanti italiani e tanti stranieri.

Sono in tanti che ci chiedono informazioni su quali siano le tasse che gravano sugli acquisti immobiliari ed in questo articolo cercheremo di dare delle risposte ai nostri numerosi ed affezionati lettori.

I costi e le spese da considerare quando si  acquista casa in Inghilterra 

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype cliccando qui

Indipendentemente dall’alto costo di acquisto ( perché in Inghilterra, ed a Londra in particolare, il costo medio di acquisto degli immobili è più alto rispetto all’Italia ) in fase di preventivo generale dei costi da sostenere, occorre tenere in debita considerazione tutti i costi e le imposte che gravano sia sull’acquisto che annualmente sugli immobili.

1) La Stamp Duty (Imposta di Registro)  

La Stamp Duty (Stamp Duty Land Tax ;SDLT) è stata riformata nel 2014, con un maggiore aggravio da parte dell’ acquirente, nel senso che le percentuali dell’ imposta rispetto al valore dell’ immobile sono aumentate.
A rimanere invariata, è la no-tax area, ( franchigia iniziale non soggetta a tassazione ) che rimane di 125.000 sterline per gli immobili residenziali e 150.000 sterline per immobili non residenziali ( commerciali).
Ciò vuol dire che fino a 125.000 sterline non si paga nulla; la tassa si paga per la somma che eccede 125.000 sterline e si paga in % in base a scaglioni:

da 125.001,00 GBP a 250.000,00 GBP il 2%,
da 250.001,00 GBP a 925.000,00 GBP il 5%,
da 925.001,00 GBP a 1.5 mil GBP il 10%,
oltre il 1.5 mil GBP il 12%.

Esempio di applicazione della Stamp Duty per l’ acquisto di una casa da 300.000 sterline ( corrispondente ad un bivani grande in zona 1 di Londra )  non sarà dovuta Stamp Duty per le prime 125.000,00 sterline, poi si pagherà un valore pari a 2% per le successive 125.000,00 sterline (corrispondenti a 2.500,00 sterline) ed infine il 5% sulle restanti  50.000,00 sterline  (corrispondenti a 2.500,00 sterline), per una Stamp Duty totale di 5.000,00 sterline.

2) Le spese di Conveyancing 

Il Conveyancer nella maggior parte dei paesi del Commonwealth è una figura assolutamente nota, ma non lo è invece per i cittadini di altri. il Conveyancer è un avvocato specializzato negli aspetti legali dell’acquisto e della vendita di beni immobili o del loro trasferimento .

Nel Regno Unito, i Conveyancers  sono regolati da un organismo ufficiale noto come Council for Licensed Conveyancers.  Il suo scopo principale è quello di fissare gli standard di ingresso e regolamentare efficacemente la professione dei Conveyancers autorizzati al fine di garantire un’adeguata protezione dei consumatori; promuovere una concorrenza effettiva nel mercato dei servizi legali e fornire una scelta ai consumatori.

I costi di Conveyacing comprendono quindi i costi relativi alla fase legale dell’acquisto gestita da un avvocato (Conveyancer) ed i relativi costi delle perizie (Surveys) che sono invece facoltative. Mediamente le spese di Conveyancing possono incidere mediamente tra 0,5% e 1% sul prezzo di acquisto.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype cliccando qui

Il costo dell’ agenzia immobiliare o del Property Finder si aggira mediamente intorno al 3% del valore dell’ immobile.

3) Tasse annuali sugli immobili

1) la Council Tax 
2) il Ground Rent
3) il Service Charge

La Council Tax corrisponde ad una Tassa Comunale calcolata in base alla metratura dell’immobile, ed è parametrata ai servizi offerti dal Borough ( Comune) di appartenenza (vi rientrano ad esempio: lo smaltimento dei rifiuti, l’illuminazione pubblica,la manutenzione delle strade, ecc…). Il suo importo è variabile e dipende dal Borough in cui si trova la casa. I Borough più ricchi applicano una Council Tax maggiore. La Council Tax è scontata dal proprietario se l’immobile è abitato dallo stesso oppure è sfitto, e dall’inquilino se invece l’immobile è locato. Attenzione la Council Tax si paga mensilmente

Il Ground Rent é una tassa che può aggirarsi in media sulle 200-300 sterline all’anno e che corrisponde ad un costo che grava sul leaseholder ( inquilino )  a favore del freeholder ( proprietario dell’immobile ).

Il Service Charge corrisponde alle nostre spese condominiali e può variare molto a seconda della tipologia di proprietà. Proprio come in Italia, a volte l’acqua ed il riscaldamento e gas, possono risultare inclusi nel Service Charge, così come i servizi di portierato.

Entro 30 giorni dalla Conveyancing della casa a Londra, la vendita dev’essere comunicata all’HMRC ( Agenzia delle Entrate Inglese )

Questi sono i costi e le imposte principali per chi intende acquistare una casa a Londra, ed in generale nel Regno Unito. 

Invece per gli aspetti fiscali da rispettare in Italia, per gli immobili detenuti all’estero vi rimandiamo al nostro articolo Residenti in Italia e proprietà immobiliari all’estero.

Ricorda sempre che la fiscalità internazionale è una materia complessa che deve essere affrontata con i professionisti esperti del settore, per non incorrere in reati tributari e fiscali, sia in Italia che all’estero

Affidati a Dike Consulting !  

Clicca quì e prenota la tua consulenza personalizzata su Skype per l’apertura di una nuova società estera o per proteggere il tuo patrimonio.

www.dikeconsulting.eu

Facebook: Dike Consulting

Instagram: Dike Consulting

L'autore è stato iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti dal 1991 al 2017. Nel corso della sua vita professionale è stato Amministratore Unico di diverse società, membro di CdA di aziende a carattere nazionale. Ha una lunga esperienza di commercio e di Fiscalità internazionale, tax planning e mediazione internazionale. Da oltre 20 anni ha fondato Dike Consulting, un network di studi professionali con 4 sedi ( Londra,Praga,Tirana, Malta ) e numerose collaborazioni con prestigiosi studi professionali nel mondo. Dike Consulting, assiste i Clienti esercitando le seguenti attività : - partecipazione in società di capitali, anche di diritto estero con relativa intestazione fiduciaria di azioni quotate e non. - intestazione fiduciaria di gestioni patrimoniali; - intestazione, amministrazione e custodia di patrimoni, donazioni, legati e Fondazioni. - partecipazione e rappresentanza in assemblee dei soci, degli azionisti; - gestione dei diritti di proprietà intellettuale; - rappresentanza in trattative di natura commerciale, in Italia ed all'Estero; - costituzione di Fondazioni di diritto italiano ed estero; - assunzione di cariche sociali di Società e Fondazioni - amministrazioni di Trust con funzioni di Protector; - Intermediazione internazionale per l'acquisto o la vendita di prodotti o servizi; - tax planning e creazione di società all'estero; - delocalizzazione e trasferimento di imprese italiane all'estero; - servizi di Temporary Manager sia in Italia che all'estero per le aziende nostre Clienti Collaborazioni con primarie strutture finanziarie e bancarie Contatti: info.dike.consulting@gmail.com Facebook: @difendiltuopatrimonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
Chatta con noi
Ciao, sono Marzia di Dike Consulting. Posso aiutarti ?
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: