Fiscalità internazionale

COVID 19 – Misure economiche e fiscali nel mondo

Gli effetti devastanti della pandemia da Coronavirus ( COVID 19 ) in atto in tutto in mondo stanno producendo una corsa, oltre che alla agognata soluzione medica, anche alle soluzioni economico/finanziarie/fiscali per fronteggiare questo evento epocale.

Quasi tutti i paesi del mondo, hanno varato pacchetti di aiuto alle imprese, chi sotto forma di contributo e chi sotto forma di sgravio.

In quasi tutti i Paesi c’è stato lo slittamento delle scadenze fiscali.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype o presso una delle nostre sedi

Abbiamo affrontato nell’articolo COVID 19 e lavoratori all’estero la situazione dei lavoratori residenti all’estero che sono dovuti tornare in patria, o che al momento comunque si trovano in un Paese diverso da quello in cui hanno la residenza fiscale.

Con questo articolo vogliamo fare una carrellata riepilogativa, sui principali provvedimenti presi dai vari Governi esteri, per affrontare gli effetti economici del COVID 19.

Cogliamo l’occasione per ringraziare i numerosi professionisti e Colleghi, nonchè i nostri collaboratori,  che ci hanno fornito le informazioni.

Algeria: ha prorogato le scadenze per le rate provvisorie dell’imposta sulle società, dell’imposta sui consumi e dell’imposta sul reddito individuale al 20 maggio, ad eccezione delle società che riferiscono al dipartimento per i contribuenti di grandi dimensioni con scadenze che non sono state prorogate.

Australia: ha annunciato proposte di aiuti federali per un totale di circa $ 320 miliardi (AUD). I Governi regionali hanno anche annunciato pacchetti di sgravi e in alcuni casi differimenti dei pagamenti delle imposte sui salari (Australian Capital Territory, Queensland, Victoria, Western Australia).

Il pacchetto di aiuti federali comprende pagamenti diretti ai cittadini. Per le persone in cerca di lavoro colpite dalla recessione, ci saranno pagamenti di $ 550 ogni due settimane oltre agli attuali pagamenti di sostegno al reddito. Il governo si aspetta che questi pagamenti costino $ 14,1 miliardi. Esiste anche un pagamento una tantum di $ 750  ai destinatari ammissibili, che dovrebbe costare $ 4 miliardi. Le persone potranno inoltre accedere temporaneamente a un massimo di $ 10.000 da determinati fondi pensionistici.

Attraverso un nuovo regime di sussidi salariali, i datori di lavoro saranno in grado di ricevere un pagamento di $ 1.500 per lavoratore, ogni due settimane. Le imprese possono beneficiare della sovvenzione se i loro ricavi sono diminuiti del 30 percento (50 percento per le imprese con ricavi superiori a $ 1 miliardo) nel periodo di tempo pertinente rispetto a un anno prima. La sovvenzione sarà in vigore per sei mesi.

I pacchetti di aiuti forniscono aiuto alle imprese attraverso prestiti agevolati e prestiti delle banche centrali e sollievo temporaneo dalle leggi sull’insolvenza, spese immediate (cancellazione immediata delle attività) e ammortamento accelerato.

Le spese immediate saranno ora disponibili per le attività che hanno ricavi inferiori a $ 150.000 in base alla classe di attività. L’ammissibilità viene estesa per includere le aziende con ricavi annuali inferiori a $ 500 milioni (l’attuale limite è di $ 50 milioni). Questa misura si applica fino alla fine di giugno.

L’ammortamento accelerato sarà fornito temporaneamente alle imprese con ricavi inferiori a $ 500 milioni. Oltre alle attuali detrazioni di ammortamento, la polizza consente una detrazione aggiuntiva del 50%, ma si applica solo alle attività acquistate dopo il 12 marzo e messe in servizio entro il 30 giugno 2021.

Le imprese soggette all’imposta su beni e servizi (GST) possono richiedere pagamenti differiti se si trovano ad affrontare sfide relative al flusso di cassa. Inoltre, le aziende che ricevono crediti o rimborsi ai sensi del GST possono passare dai depositi trimestrali a mensili per accelerare i rimborsi. Gli importatori possono inoltre richiedere il regime differito di GST.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype o presso una delle nostre sedi

Austria: sta riducendo i pagamenti anticipati delle imposte sul reddito e sulle società, differendo i pagamenti delle imposte, consentendo il pagamento delle imposte a rate, riducendo o fornendo sgravi da pagamenti tardivi e sospendendo i controlli fiscali. Per le aziende che devono ridurre l’orario di lavoro ,vengono erogati sussidi di lavoro. Sono inoltre previsti aiuti diretti alle imprese individuali e alle imprese a conduzione familiare oltre ai settori del turismo e della cultura.

Per i pagamenti delle imposte sulle società, i contribuenti possono richiedere di ridurre i loro anticipi a zero o di ricevere un differimento di pagamento o un piano di pagamento rateale. Le domande possono essere presentate fino al 31 ottobre 2020.

I pagamenti dell’imposta sul valore aggiunto (IVA) possono anche essere differiti caso per caso e i pagamenti non sono necessari mentre è in corso una domanda di differimento con le autorità fiscali. Il pagamento dell’IVA dovuto il 30 giugno è posticipato al 31 agosto. L’IVA viene temporaneamente eliminata sulle maschere di protezione (attualmente tassata con un’aliquota IVA standard del 20 percento).

Belgio: ha adottato diverse misure per ritardare i pagamenti fiscali. I termini di pagamento delle imposte sulle società e sul reddito sono prorogati di altri due mesi. C’è anche un sollievo per i ritardi di pagamento delle passività fiscali precedenti al 12 marzo. Per le aziende che dimostrano che le difficoltà di pagamento sono legate all’epidemia di coronavirus, il governo sta fornendo un piano di pagamento dell’IVA che prevede sgravi penali. Un piano di pagamento simile è disponibile per le passività fiscali sui salari.

La presentazione dell’IVA è stata ritardata di due settimane e i pagamenti sono stati ritardati di due mesi. La scadenza per il pagamento delle dichiarazioni IVA di aprile è stata prorogata dal 15 aprile al 15 luglio.

Le imprese in regola possono ricevere rimborsi anticipati dal credito fiscale di febbraio, entro il 30 aprile. Inoltre, le imprese beneficeranno di un credito d’imposta aumentato per i pagamenti anticipati effettuati nel 3 ° e nel 4 ° trimestre 2020 per l’anno di valutazione 2021, a condizione che non vi sia distribuzione di dividendi tra il 12 marzo e 31 dicembre 2020 e non vi è alcuna riduzione del capitale o riacquisto di azioni.

Bulgaria: ha prorogato i termini per le imposte sulle società dal 31 marzo al 30 giugno. Le dichiarazioni dei redditi personali presentate da commercianti e imprese individuali avranno una proroga dal 30 aprile al 30 giugno. Le persone fisiche possono beneficiare di una detrazione del 5% se presentano e versano le loro tasse entro il 31 maggio. Le imprese che sono state maggiormente colpite dalle misure C-19 o che stanno subendo perdite di entrate superiori al 20% rispetto a marzo 2019 possono beneficiare di un sussidio salariale del 60% per i propri dipendenti.

Canada: Il governo federale sta rinviando i pagamenti delle tasse per privati ​​e aziende. Eventuali importi delle imposte sul reddito dovuti a partire dal 18 marzo e prima di settembre possono essere differiti fino a dopo il 31 agosto. Inoltre, l’imposta sulle vendite  o gli audit delle imposte sul reddito per le piccole e medie imprese saranno sospesi per le prossime quattro settimane.

Il ministero delle finanze ha introdotto un sussidio salariale del 75% ai datori di lavoro per un massimo di 12 settimane se le loro entrate sono diminuite di almeno il 15% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso (o rispetto alle entrate medie di gennaio 2020 e febbraio 2020). Il sussidio si applica ai primi $ 58.700 (fino a $ 847 a settimana) dello stipendio di un dipendente. Questa sovvenzione coesisterà con una sovvenzione salariale temporanea precedentemente introdotta per le piccole imprese ammissibili del valore del 10 %  della remunerazione in tre mesi.

Il pacchetto di aiuti del Canada comprende anche il potenziamento del suo sistema sanitario e il sostegno diretto alle famiglie e alle imprese. La limatura e i pagamenti della Federal Tax and Services Tax (GST) dovuti da marzo a maggio sono rinviati al 30 giugno .

Cina: ha ridotto la sua IVA dal 3% all’1% per il programma di contabilità di cassa per le piccole imprese fino alla fine di maggio. Ha inoltre ridotto l’IVA sui servizi medici, di catering, di alloggio, di parrucchiere e di lavanderia, nonché di maschere e indumenti protettivi. Gli interessi passivi sui prestiti alle imprese inferiori a 1 milione di Yuan alle piccole imprese saranno esenti dall’IVA (i servizi finanziari sono soggetti all’IVA in Cina). Gli importatori in zone speciali possono ritardare i pagamenti dell’IVA e dei dazi all’importazione fino alla fine del 2020.

La Cina ha approvato circa 1,3 trilioni di Yuan per rilanciare la sua economia dopo l’interruzione del coronavirus; ciò include la prevenzione e il controllo delle epidemie, gli aiuti all’assicurazione contro la disoccupazione e le infrastrutture per il suo sistema sanitario pubblico. Le imprese qualificate possono portare avanti le perdite per il 2020 per otto anni (rispetto a cinque anni).

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype o presso una delle nostre sedi

Repubblica Ceca: ha rinunciato a sanzioni e interessi di mora per i pagamenti delle imposte sul reddito fino al 1 ° luglio. Le esenzioni per il deposito tardivo di tutte le tasse saranno caso per caso. Esiste anche una rinuncia generale alle sanzioni in relazione alle dichiarazioni IVA.

Le domande saranno inoltre prese in considerazione per le aziende che desiderano annullare i pagamenti anticipati delle imposte sul reddito, differire i pagamenti delle imposte (per l’IVA o le imposte sul reddito) o estendere il termine di deposito per le dichiarazioni dei redditi delle società.

I termini di pagamento delle imposte sui salari e dei contributi al mercato del lavoro da aprile a giugno sono prorogati di quattro mesi. Se la scadenza originale di un’azienda era il 10 luglio, ora è il 10 novembre.

Le perdite subite nel 2020 possono ora essere riportate per due anni (in precedenza nessun riporto di perdite).

Il governo ha annunciato un nuovo pacchetto che include sussidi salariali per i dipendenti in quarantena, se un’azienda viene chiusa a causa di un ordine del governo o se un’azienda incontra difficoltà economiche legate al C-19. Include anche nuovi prestiti e garanzie di prestito.

Danimarca: annunciato tre misure fiscali per aumentare la liquidità delle imprese. La scadenza per i pagamenti dell’IVA è stata prorogata (scadenze diverse a seconda della dimensione dell’impresa) e alle società saranno concessi altri quattro mesi per pagare i contributi del lavoro originariamente dovuti entro la fine di giugno. Il governo sta inoltre alzando il tetto dei conti fiscali delle imprese in modo che le società non debbano pagare tassi di interesse negativi quando si inseriscono contanti in banca. Tale limite sale dall’attuale livello di 200.000 DKK a 10 milioni di DKK fino alla fine di novembre 2020.

I lavoratori che vengono rimandati a casa riceveranno il 90% di sostegno salariale per tre mesi. Il governo copre anche i costi delle ferie per malattia dal primo giorno di ferie.

Alle imprese con un fatturato annuo inferiore a 5 milioni di DKK che hanno pagato l’IVA per la seconda metà del 2019 a marzo 2020 e alle aziende con un fatturato annuo compreso tra 5 milioni di DKK e 50 milioni di DKK che hanno pagato l’IVA per il 4 ° trimestre 2019 a marzo 2020 possono essere rimborsate le loro pagamento dell’IVA come prestito senza interessi. Le imprese esenti da IVA soggette all’imposta sui salari ai sensi del cosiddetto “metodo 4” (ad esempio, società di trasporto passeggeri, dentisti e medici) che hanno pagato l’imposta sui salari per il 1 ° trimestre 2020 entro il 15 aprile possono anche richiedere la restituzione dell’importo pagato a titolo di prestito. In totale, i prestiti senza interessi possono ammontare a DKK 35 miliardi e devono essere rimborsati entro aprile 2021.

I pagamenti dei crediti per R&S per le imprese in perdita sono in fase di avanzamento, in modo tale che i crediti d’imposta 2019 saranno pagati a giugno 2020 anziché a novembre 2020.

Estonia: sono sospese le sanzioni interessi su eventuali pagamenti fiscali in ritardo fino alla fine dello stato di emergenza (un tasso del 0,03 per cento al giorno, in calo dal odierno 0,06 per cento al giorno, sarà applicato dopo che lo stato di emergenza sarà finito ). C’è anche una sospenzione del pagamento dell’IVA fino al 1 maggio.

Tra marzo e maggio non ci sarà una base mensile minima per l’imposta sociale dei datori di lavoro (la base mensile minima è attualmente di 540 €). C’è un sussidio salariale del 70% (limitato a € 1.000 al mese).

L’Estonia ha inoltre deciso di ridurre le accise sul gasolio, energia elettrica e gas naturale.

L’ Unione europea: ha fornito sostegno fiscale ai paesi membri per un importo di 540 miliardi di euro. Ciò include finanziamenti per i paesi a sostegno della spesa sanitaria, finanziamenti per le piccole e medie imprese e un meccanismo di prestiti temporanei (SURE) per sostenere programmi di lavoro a breve termine nell’UE.

È stata revocata l’IVA sulle importazioni di apparecchiature mediche, compresi kit di test, dispositivi di protezione e ventilatori.

L’UE ha inoltre fornito un quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato. I paesi membri che forniscono sostegno specifico alle imprese e ai settori dispongono di una flessibilità temporanea per misure mirate relative alle norme sugli aiuti di Stato che altrimenti si applicherebbero.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype o presso una delle nostre sedi

Finlandia: sta ritardando i pagamenti delle imposte sul reddito delle società. Inoltre, il governo sta fornendo 27 milioni di euro in più alla spesa sanitaria e 73 milioni di liquidità alle imprese. Il governo sostiene anche garanzie sui prestiti per le piccole e medie imprese. Il tasso di interesse per i pagamenti tardivi delle imposte sulle imprese è ridotto dal 7% al 4%. I pagamenti delle pensioni del settore privato saranno ritardati e ridotti.

Francia: il governo sta permettendo alle aziende di sospendere il pagamento di alcuni oneri e tasse sociali e sta attivando programmi di lavoro a breve termine sovvenzionati dallo Stato. La prossima rata dei pagamenti delle imposte dirette posticipata di tre mesi . Inoltre, durante il “periodo di blocco” non verranno avviati nuovi controlli fiscali. I rimborsi dell’IVA sono stati accelerati.

La Francia ha inoltre finanziato un fondo di solidarietà da 1 miliardo di euro per le imprese interessate. In totale, la Francia ha distribuito un pacchetto di aiuti da 45 miliardi di euro con ulteriori 300 miliardi di garanzie di prestito.

Germania: renderà più facile per le aziende richiedere sussidi per sostenere i lavoratori a orari ridotti per contrastare gli effetti della pandemia. Questa è la stessa misura che è stata utilizzata per aiutare a prevenire licenziamenti su larga scala durante la crisi finanziaria del 2008.

Le misure di sgravio fiscale comprendono ampie opzioni di differimento e riduzione della base imponibile per le tasse commerciali. I differimenti fiscali saranno concessi senza interessi, ma i contribuenti devono applicarsi entro il 31 dicembre 2020. Le penali per i ritardi di pagamento sono state escluse fino alla fine del 2020. I pagamenti anticipati per l’imposta sul reddito e l’imposta sulle società sono ritardati fino al 10 giugno.  Il termine annuale per la dichiarazione IVA 2019 è stato prorogato al 31 maggio.

Il governo ha anche discusso dell’attuazione di una riforma dell’imposta di solidarietà (una maggiorazione del 5,5 per cento per i redditi ad alto reddito) nel 2020 anziché nel 2021, come precedentemente previsto.

La Germania fornisce inoltre un sostegno fino a 50 miliardi di euro per i lavoratori autonomi e le piccole e medie imprese e fino a 500 miliardi di euro in misure di liquidità per le imprese interessate.

L’ Istituto di previdenza tedesco coprirà il cento per cento dei contributi previdenziali per le ore perse di dipendenti a breve termine.

Grecia: ha sospeso i pagamenti IVA dovuti alla fine di marzo per quattro mesi e i pagamenti IVA dovuti prima del 30 aprile  sono posticipati al 31 agosto per le imprese colpite dal coronavirus. I contributi previdenziali delle aziende saranno sospesi fino al 30 giugno. La riduzione dell’IVA sarà del 6 percento dal 24 percento per i prodotti relativi alla prevenzione della diffusione del coronavirus. La presentazione della lista di vendita per il 2019 è stata posticipata al 30 giugno.

Il 30 marzo, la Grecia ha approvato un atto legislativo che ridurrà il 25 percento delle passività accertate dei pagamenti fiscali con scadenze nel periodo dal 30 marzo al 30 aprile, esclusa l’IVA o la ritenuta alla fonte. Consente il rimborso di pagamenti fiscali anticipati. Fornirà inoltre un’esenzione IVA per le donazioni fatte al governo a sostegno degli aiuti umanitari. La Grecia consentirà alle aziende di trattenere il 25% della loro IVA dovuta in aprile se non licenziano i dipendenti. La Grecia ha prorogato il termine per il pagamento dei debiti fiscali al 21 aprile, con una detrazione delle società del 25 percento del debito fiscale dovuto alle imprese colpite dalla pandemia e il termine per i “contributi previdenziali” dei datori di lavoro è stato prorogato al 21 aprile.

Ungheria: fornisce aiuti per i contributi previdenziali. I datori di lavoro non saranno tenuti a versare i contributi previdenziali versati dal lato datore di lavoro (17,5 per cento + 1 per cento) da marzo a giugno. I dipendenti saranno responsabili solo per il loro contributo sanitario del 4 percento piuttosto che per il totale del 18,5 percento del contributo previdenziale. Il disavanzo di bilancio previsto per il 2020 è aumentato dall’1% al 2,7% del PIL. L’imposta sui media è stata sospesa. L’Ungheria sta finanziando oltre 2 trilioni di HUF in prestiti alle imprese.

India: ha fornito un pacchetto di sostegno fiscale di 150 miliardi di rupie incentrato sulla risposta del sistema sanitario allo scoppio. È stato inoltre annunciato il sostegno fiscale a livello statale. Il pagamento delle imposte è stato rinviato dal 31 marzo al 30 giugno per dichiarazioni dei redditi e dichiarazioni dei beni e servizi. Vi è anche un tasso di interesse ridotto per i pagamenti delle tasse effettuati entro il 30 giugno e le penali per il deposito tardivo sono escluse. I termini di imposta sui beni e servizi (GST) per marzo, aprile e maggio sono prorogati alla fine di giugno.

L’India sta anche lavorando a un pacchetto di aiuti per l’industria aerea, incluso il differimento dell’imposta sul carburante per aerei. I rimborsi per beni e servizi saranno accelerati. I rimborsi delle imposte sul reddito delle società fino a INR 500.000 saranno accelerati. Il termine è stato prorogato per i resi FATCA e CRS dal 31 maggio al 30 giugno.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype o presso una delle nostre sedi

Indonesia: il Governo ha rinunciato all’imposta sul reddito per gli individui nel settore manifatturiero con un reddito inferiore a 200 milioni di rupie per sei mesi mentre cerca di rafforzare il potere d’acquisto. Il termine per la presentazione del programma di amnistia fiscale è stato prorogato al 30 aprile. Un secondo pacchetto di incentivi consentirà alle imprese di ritardare i pagamenti delle imposte sulle società e sul reddito sulla vendita di beni importati. Queste misure sono entrate in vigore 1 aprile 2020  per una durata di sei mesi. Inoltre, per incoraggiare il turismo verso determinate destinazioni, una tassa locale di hotel e ristorante del 10 % sarà revocata per sei mesi, con il governo centrale che risarcirà i governi locali per le spese. Le aziende qualificate riceveranno rimborsi IVA anticipati da aprile a settembre.

L’ aliquota dell’imposta sul reddito delle società sarà ridotta dal 25 percento al 22 percento per gli anni fiscali 2020 e 2021, e al 20 percento a partire dall’anno fiscale 2022. Le tariffe di borsa sono ridotte al 3 percento. I pagamenti delle tasse di importazione sono differiti di sei mesi per alcune imprese. L’IVA, l’imposta sul reddito e l’imposta sulle transazioni relative alle transazioni finanziarie elettroniche saranno imposte ai non residenti .

Iran: in uno dei paesi più colpiti dal COVID 19, i dipendenti possono differire i pagamenti delle tasse per i prossimi tre mesi e i 3 milioni di iraniani più poveri riceveranno un sussidio in denaro aggiuntivo. Ci saranno ulteriori agevolazioni fiscali per le piccole e medie imprese. Le dichiarazioni IVA del quarto trimestre 2019 sono state rinviate al 19 aprile e le imprese qualificate potrebbero richiedere di prorogare la scadenza fino al 20 maggio.

Irlanda: il Governo ha istituito un vasto programma di aiuti per un importo di 7,2 miliardi di euro. La franchigia comprende la rinuncia agli interessi sui pagamenti tardivi delle imposte e la sospensione dell’imposta sui contratti in questione. Per le piccole e medie imprese, gli interessi sui ritardi del pagamento dell’IVA dei mesi di gennaio-febbraio sono sospesi fino a nuovo avviso. Sono inclusi anche un’ampia autorità creditizia e uno sgravio specifico per i licenziamenti temporanei. I datori di lavoro che temporaneamente licenziano o riducono le ore dei loro dipendenti a causa della crisi avranno diritto a ottenere un rimborso dall’autorità fiscale per 410 € a settimana fino a 12 settimane. Anche il governo sta fornendo una retribuzione per malattia di € 350 a settimana per due settimane per le persone qualificate. Le indennità di disoccupazione sono state ampliate da € 203 a settimana a € 350 a settimana per le persone che hanno perso il lavoro a causa della pandemia. Per le aziende colpite dalla pandemia, i pagamenti delle tariffe saranno differiti fino al 31 maggio.

Israele ha stanziato 80 miliardi di NIS per rispondere alla pandemia. 41 miliardi di NIS andranno a prestiti garantiti, sovvenzioni e altre misure per le piccole e medie imprese. Le indennità di disoccupazione vengono ampliate rinunciando a determinati requisiti.

Israele ha inoltre ritardato i pagamenti dell’IVA di 10 giorni, dalla data prevista per il 16 marzo al 26 marzo per i versamenti mensili e dal 15 aprile al 27 aprile per i versamenti bimestrali. Il termine per la presentazione e il pagamento delle imposte sul reddito online è prorogato al 30 luglio e offline al 30 giugno. Il Parlamento ha approvato una sovvenzione NIS 500 per le famiglie con bambini, anziani e persone con disabilità. Le indennità di disoccupazione sono state ampliate e alcuni requisiti sono stati ridotti.

Giappone:  ha prorogato indefinitamente le scadenze per il reddito individuale, il consumo e la presentazione e il pagamento delle imposte sulle donazioni, e si consiglia ai contribuenti di pagare e archiviare quando possono. Le aziende con un calo delle entrate di almeno il 20% da febbraio possono ritardare di un anno le imposte sui consumi, sulle società e sul reddito. Il Giappone dà sollievo alle società le cui vendite sono diminuite di almeno il 50% per un periodo di un mese o più, consentendo la cancellazione dello status di società imponibile ai fini fiscali. Il Giappone ha stanziato 108,2 trilioni di yen in risposta alla pandemia e ha prorogato il termine per la presentazione e il pagamento di imposta sul reddito, imposta sulle donazioni e imposta sui consumi per i lavoratori autonomi da metà marzo a metà aprile.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype o presso una delle nostre sedi

Lettonia: ha prorogato il termine di recupero dell’IVA per i paesi terzi, dal 30 giugno alla fine di settembre. La Lettonia sta concedendo ritardi fiscali tra cui i pagamenti dell’IVA per fornire sgravi alle imprese, che devono possono ritardare le imposte fino al 30 giugno. Le imprese con una riduzione del reddito dovuta al coronavirus che possono avere pagamenti fiscali differiti o scaglionati per un massimo di tre anni e il governo coprirà il 75 percento degli stipendi dei lavoratori che subiscono tempi di inattività a causa del coronavirus dal 14 marzo al 14 maggio.

Il pacchetto di supporto della Lettonia è di circa 2 miliardi di euro.  I rimborsi dell’IVA sono accelerati dalla fine dell’anno fiscale a entro 30 giorni dalla scadenza. Il congedo per malattia sarà pagato dal governo dal 22 marzo al 30 giugno.

Lituania: ha ritardato l’imposta sulle società e il termine per la presentazione delle domande fino al 30 marzo. Le imprese possono rivedere i calcoli delle imposte sul reddito delle società sulla base delle proiezioni per il 2020 anziché dei risultati dell’anno precedente. Anche le tasse personali sono state ritardate dal 4 maggio al 1 luglio. I contribuenti possono differire le dichiarazioni fino a un anno senza interessi o penalità. I contribuenti IVA colpiti dalla crisi del coronavirus possono chiedere di cancellare tutta l’IVA in sospeso.

Un sussidio salariale di almeno il 60 percento della retribuzione viene erogato per sostenere i lavoratori le cui ore sono state ridotte. La sovvenzione può arrivare fino al 90 percento per i settori maggiormente colpiti dalla crisi.

Lussemburgo: Il Governo lussemburghese, consente alle imprese di presentare richieste di annullamento dei primi due pagamenti fiscali trimestrali per il 2020 (per il reddito delle società e le imposte comunali sulle imprese) e vi è una proroga di quattro mesi (per il reddito delle società, le imprese municipali e le imposte sul patrimonio netto delle società ) per tutti i pagamenti dovuti dopo il 29 febbraio 2020. Le imprese con difficoltà finanziarie possono anche posticipare tutti i pagamenti IVA risalenti all’inizio della crisi COVID-19.

Malesia: esonera i servizi di alloggio (compresi gli hotel) dall’imposta sui servizi del 6 percento e fornisce esenzioni dall’imposta sulle vendite e revoca dei dazi all’importazione su attrezzature e macchinari. Le scadenze per il pagamento delle rate delle imposte (in scadenza il 15 aprile) sono state prorogate al 30 aprile e il termine per il pagamento mensile delle rate è stato posticipato di tre mesi per le PMI e di sei mesi per le società del settore turistico. I pagamenti mensili della rata fiscale che accompagnano il modulo CP500 per marzo e maggio 2020 possono essere differiti senza penalità. Le donazioni in contanti o in natura a progetti approvati per far fronte alla pandemia di COVID-19 sono deducibili dalle tasse e possono essere applicate a fronte del reddito lordo.

Olanda: hanno creato un ritardo generalizzato di tre mesi per i salari, le entrate e i pagamenti delle imposte sulle società insieme all’IVA. Da aprile, la politica di differimento temporaneo si applicherà anche all’imposta sui giochi d’azzardo, l’imposta sui premi assicurativi, il prelievo sugli affitti, le tasse ambientali, l’imposta sul carbone, l’imposta sui rifiuti, l’imposta sull’acqua, le accise (su oli minerali, alcol e tabacco ) e l’imposta sul consumo di bevande analcoliche. I ritardi nei pagamenti dovranno affrontare un costo per interessi ridotto dello 0,01 per cento.

Il governo sta anche fornendo supporto alle imprese che vedono una riduzione del 20 percento dei ricavi, al 90 percento dei costi salariali. È inoltre disponibile un risarcimento di € 4.000 per le imprese che sono state costrette a chiudere temporaneamente e un ampliamento delle garanzie statali per i prestiti alle piccole e medie imprese.

Norvegia: ha ridotto l’aliquota fiscale dei dipendenti di 4 punti per due mesi. Le società potranno detrarre le perdite nel 2020 per ridurre i pagamenti delle tasse nei due anni precedenti. L’aliquota IVA ridotta (12 percento) sarà temporaneamente ridotta al 7 percento (inizialmente ridotta all’8 percento); questa modifica è retroattiva all’1 gennaio. Dal 1 ° aprile verrà applicato un tasso del 6 percento fino al 31 ottobre. I pagamenti fiscali per l’IVA e i pagamenti fiscali anticipati per altre imprese saranno posticipati. I primi pagamenti della dichiarazione IVA sono differiti dal 10 aprile al 10 giugno. I pagamenti netti dell’imposta sul patrimonio saranno ridotti per coloro che possiedono azioni in società in perdita. L’imposta sui voli passeggeri aerei è sospesa dal 1 ° gennaio al 31 ottobre. Il termine per la presentazione delle dichiarazioni dei redditi delle società per il 2019 è stato prorogato al 31 agosto dal 31 maggio.

Polonia: ha prorogato il termine per il nuovo regime IVA SAF-T dal 1 aprile al 1 luglio. Il governo sta inoltre autorizzando rimborsi IVA accelerati. Il termine per l’imposta sul reddito delle persone fisiche è prorogato di un mese e le imprese possono chiedere di differire i contributi previdenziali per tre mesi. Il termine per la presentazione e il pagamento delle imposte sul reddito delle società è stato prorogato fino al 31 maggio. I contribuenti individuali e societari le cui entrate nel 2020 saranno inferiori del 50%, rispetto alle entrate del 2019, possono compensare le perdite fiscali subite nel 2020 con il loro reddito imponibile 2019, soggetto fino a un limite di perdita di 5 milioni di PLN.

Le piccole e medie imprese con un calo del fatturato economico di almeno il 25 percento in qualsiasi mese dopo il 1 ° febbraio 2020 hanno diritto a un sussidio rimborsabile con possibilità di rimborso fino al 75 percento dopo 12 mesi, a condizione che l’occupazione sia mantenuta. Le grandi società riceveranno finanziamenti sotto forma di prestiti o obbligazioni e finanziamenti e investimenti preferenziali sotto forma di strumenti rappresentativi di capitale. Tuttavia, per ottenere un aiuto finanziario, il beneficiario effettivo deve essere un residente fiscale polacco.

Oltre a questi cambiamenti, esiste un pacchetto di aiuti di circa 212 miliardi di PLN destinato a sostenere l’economia e il sistema sanitario.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype o presso una delle nostre sedi

Portogallo: ha sospeso i pagamenti dei contributi previdenziali per le società colpite dall’epidemia di coronavirus. I programmi di pagamento dell’IVA e della ritenuta alla fonte possono essere adeguati per le imprese con ricavi inferiori a € 10 milioni nel 2018 o con una riduzione del 20 percento dei ricavi. Le dichiarazioni IVA mensili di febbraio, in scadenza il 10 aprile, sono state posticipate al 17 aprile e i pagamenti associati non sono dovuti fino al 20 aprile anziché al 15 aprile.

Romania: si va verso la sospensione della maggior parte degli audit fiscali, prolungherà la scadenza per un’imposta annuale sugli utili dal 25 marzo al 25 aprile e accelererà i rimborsi dell’IVA per aiutare le imprese. Il governo ha dichiarato che le tasse con scadenze successive al 21 marzo non saranno soggette a sanzioni e interessi di mora fino a 30 giorni dopo la fine dello stato di emergenza.

Russia: consentirà alle piccole e medie imprese che operano in determinati settori di differire tutte le tasse per sei mesi, ad eccezione dei pagamenti IVA e delle assicurazioni sociali (solo per le microimprese). La Russia prevede inoltre esenzioni fiscali per contributi fiscali e previdenziali fino al 1 ° maggio per le aziende impegnate nelle industrie del turismo e dell’aviazione. Inoltre, il tasso di assicurazione sociale sarà ridotto dal 30 al 15 percento per gli stipendi che superano il salario minimo. Alle piccole e medie imprese verrà concesso un periodo di grazia di tre mesi per i pagamenti degli affitti al governo. Le forniture e le attrezzature farmaceutiche e mediche saranno esentate dal pagamento dei dazi all’importazione. Si prevede di attuare una moratoria sugli audit fiscali fino al 1 ° giugno. Altre misure fiscali comprendono un’aliquota del 13 percento sugli interessi maturati sui depositi superiori a 1 milione di rubli ($ 12.700 USD).

Singapore: ha differito i pagamenti delle imposte sul reddito delle società per aprile-giugno per tre mesi, quindi i pagamenti dovuti in aprile sono ora dovuti in luglio. Ai lavoratori autonomi viene concesso un differimento automatico dei pagamenti delle imposte sul reddito dovuti a maggio, giugno e luglio di tre mesi. Inoltre, è stata implementata un’estensione automatica per la presentazione delle dichiarazioni dei redditi individuali al 31 maggio, originariamente prevista per il 18 aprile. Gli sconti sulle tasse sulla proprietà saranno concessi alle proprietà commerciali interessate dal coronavirus, come hotel, ristoranti e negozi. I datori di lavoro qualificati possono ottenere una sovvenzione fino al 75 percento (25 per cento nel precedente sostegno al bilancio) del loro salario mensile lordo da ottobre a dicembre 2019, con un limite di 4.600 SGD per dipendente al mese. Inoltre, è stato concesso uno sconto dell’imposta sul reddito delle società del 25% dell’imposta dovuta, limitato a SGD 15.000. Alle aziende viene fornita un’opzione per accelerare la richiesta di ammortamento fiscale per impianti e macchinari acquisiti nel 2021 in due anni: il 75 percento del costo nel 2021 e il 25 percento nel 2022. Le spese di ristrutturazione e ristrutturazione possono beneficiare di una detrazione accelerata in un anno invece di oltre tre anni, come attualmente consentito. Il prelievo per lavoratore straniero è stato revocato per il mese di aprile ed è stato concesso uno sconto di 750 SGD per ciascun permesso di lavoro o titolare di S-pass. I pagamenti relativi all’imposta sui beni e servizi (GST) dovuti l’11 aprile sono stati ritardati fino all’11 maggio. Le imposte su beni e servizi rimarranno al 7 percento nel 2021, ma dovrebbe aumentare al 9 percento tra il 2022 e il 2025.

Slovacchia: le società e :gli individui riceveranno una proroga del termine di pagamento automatico fino a tre mesi.

Slovenia: ha adottato misure per ritardare il deposito fiscale e i pagamenti delle imprese dal 31 marzo al 31 maggio. Le imprese possono anche richiedere una riduzione dei pagamenti anticipati dell’imposta sul reddito delle società.

Le scadenze fiscali personali sono state prorogate al 30 giugno. I pagamenti IVA possono essere ritardati su richiesta .

Sudafrica: fornisce assistenza alle persone aumentando l’incentivo fiscale per i dipendenti (ETI) per coloro che guadagnano al di sotto di 6.500 R con un aumento fino a R500 al mese dal 1 ° aprile al 31 luglio. Il governo sta permettendo pagamenti accelerati di rimborsi ETI da due volte a mese. Le piccole imprese possono ritardare il 20% delle passività retribuite per quattro mesi.

L’IVA è stata revocata per le importazioni di “beni essenziali” durante la crisi.

Dal 1 ° aprile al 31 luglio, le piccole e medie imprese possono differire parte delle imposte sui dipendenti e dei pagamenti fiscali provvisori.

Corea del Sud: sta tagliando la sua IVA per le piccole imprese aumentando la soglia di registrazione IVA da 30 milioni di KRW a 48 milioni di KRW fino alla fine del 2020. Sono stati concessi incentivi fiscali per i consumatori che sostituiscono le loro auto in anticipo insieme a una nuova detrazione fiscale sulla spesa personale con carta di credito tra il 1 ° marzo e il 30 giugno. Il termine per la presentazione delle dichiarazioni dei redditi delle società è stato prorogato dal 4 aprile al 4 maggio. Le misure per i singoli contribuenti comprendono maggiori detrazioni dal 1 ° marzo al 30 giugno e un’IVA differita per alcune imprese dal 24 aprile al 27 luglio.

Una riduzione dell’imposta sul reddito delle società è stata approvata per le imprese nelle zone designate per il disastro collegate allo scoppio. Le riduzioni fiscali possono arrivare fino al 60 percento per le piccole imprese e fino al 30 percento per le medie imprese e sono limitate a KRW 200 milioni.

Spagna: ha approvato sgravi fiscali per le piccole e medie imprese e i lavoratori autonomi. Tali aziende saranno in grado di differire gli obblighi fiscali, societari e IVA per sei mesi senza interessi. La Spagna ha inoltre adottato una proposta in risposta al coronavirus che assegna una linea di garanzie da 100 miliardi di euro per le imprese.

Le aziende con un fatturato annuo inferiore a € 600.000 possono ritardare la presentazione e il pagamento dell’IVA del primo trimestre fino al 20 maggio.

Svezia: sta permettendo alle imprese di recuperare i pagamenti fiscali di gennaio-marzo per un anno e di rimborsarli. Il congedo per malattia sarà pagato dal governo per aprile e maggio. Il pacchetto di aiuti della Svezia ammonta a 300 miliardi di corone svedesi. I pagamenti IVA delle imprese e altre imposte in sospeso sono stati ritardati di 12 mesi.

Svizzera: ha adottato un pacchetto di aiuti di 42 miliardi di franchi per finanziare programmi di lavoro ridotti e programmi di prestito per le imprese. Nell’ambito dell’aiuto, le piccole e medie imprese potranno ricevere prestiti fino a 20 milioni di CFH. I pagamenti dei contributi previdenziali delle imprese sono differiti senza interessi. La penalità tardiva e le commissioni di interessi associate all’IVA saranno revocate entro la fine del 2020, sebbene i contribuenti debbano presentare domanda di differimento dei pagamenti. Il pagamento dell’imposta federale sul reddito è ritardato ; ritardi specifici sono determinati dai Cantoni.

Il programma di lavoro a breve termine della Svizzera è stato ampliato da tre a sei mesi, il periodo di attesa è stato revocato e non è previsto che i datori di lavoro contribuiscano alla perdita del lavoro.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype o presso una delle nostre sedi

Tailandia: ha approvato la riduzione della ritenuta alla fonte dal 3% all’1,5% per sei mesi, da aprile a settembre. Ha inoltre raddoppiato il beneficio fiscale per gli investimenti in fondi comuni di investimento a lungo termine a 412.000 THB.

La Tailandia ha inoltre prorogato il termine di deposito delle imposte sul reddito personale dal 30 giugno al 31 agosto e saranno erogati aiuti diretti a 3 milioni di persone, a 5.000 THB al mese per tre mesi.

Le scadenze mensili per la presentazione delle dichiarazioni fiscali sono state prorogate per tutte le aziende. A seconda del tipo di imposta, le scadenze di marzo o aprile sono prorogate al 15 maggio o al 23 maggio.

Tunisia: ha prorogato la scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi delle società al 31 maggio, ad eccezione delle società che pagano l’aliquota fiscale del 35%. Gli audit fiscali sono stati sospesi fino al 31 maggio. I rimborsi del credito IVA saranno accelerati e i pagamenti verranno effettuati entro 1 mese. Alle società colpite dal coronavirus può essere posticipato il debito fiscale fino a sette anni.

Il termine per l’imposta sulla circolazione è stato posticipato a fine aprile.

Turchia: concederà un differimento di sei mesi su alcuni pagamenti di premi fiscali e assicurativi a determinati settori, tra cui la vendita al dettaglio e i trasporti. Le dichiarazioni e i pagamenti IVA normalmente dovuti il ​​26 marzo sono estesi al 24 aprile. Le dichiarazioni IVA per aprile-giugno sono state ritardate fino al 27 giugno per diversi settori. L’IVA sui viaggi aerei nazionali sarà ridotta dal 18 percento all’1 percento. I pagamenti minimi per i pensionati saranno aumentati e il governo effettuerà un pagamento anticipato anticipato del bonus ai pensionati. I termini per l’imposta sul reddito delle persone fisiche sono stati prorogati alla fine di aprile.

Nel complesso, è stato adottato un pacchetto fiscale di TL 100 miliardi in risposta allo scoppio.

Regno Unito:  rinuncia alle tasse sulla proprietà delle attività commerciali per la vendita al dettaglio, il tempo libero e il turismo per 12 mesi per ridurre l’impatto economico dell’epidemia di coronavirus. Ha inoltre messo in pausa i piani di ampliamento delle regole sullo status occupazionale degli appaltatori nel settore privato. Queste regole cosiddette “fuori servizio” mirano a garantire che i lavoratori a contratto paghino circa gli stessi contributi fiscali e previdenziali dei normali dipendenti del settore privato. Il Regno Unito sta inoltre espandendo il credito universale e il credito d’imposta di lavoro di £ 1.000 e ritardando £ 30 miliardi di pagamenti IVA fino al 30 giugno.

I contribuenti autonomi possono ricevere fino all’80% dei loro guadagni medi, con un limite di £ 2.500 al mese. Ciò dovrebbe beneficiare del 95 percento dei lavoratori autonomi che guadagnano fino a £ 50.000 all’anno che hanno presentato una dichiarazione dei redditi per il 2019.

La seconda fase di Making Tax Digital è stata posticipata dal 1 ° aprile 2020 al 1 ° aprile 2021; le imprese hanno un altro anno per avere collegamenti digitali disponibili per l’IVA.

Sono state esentate le tasse di importazione sulle attrezzature mediche .

Stati Uniti: hanno adottato un’espansione a breve termine del congedo per malattia retribuito. I pagamenti delle tasse sono stati anche ritardati dal 15 aprile al 15 luglio senza interessi o penalità. La legislazione del CARES Act prevede uno sconto fiscale di $ 1.200 per i single e $ 2.400 per i coniugati, con un supplemento di $ 500 per bambino. Tra le molte misure fiscali per le imprese, l’atto include un credito di imposta sui salari rimborsabile e consente ai datori di lavoro di ritardare il pagamento delle imposte sui salari della previdenza sociale, con metà pagamento dovuto il 31 dicembre 2021 e il resto dovuto il 31 dicembre 2022. Inoltre, $ 150 miliardi in rilievo i fondi saranno distribuiti tra gli stati.

I pagamenti dell’assicurazione di disoccupazione sono stati aumentati e $ 350 miliardi di prestiti rimborsabili sono stati estesi alle piccole imprese per sostenere i costi del personale.

Ricorda sempre che la fiscalità internazionale è una materia complessa che deve essere affrontata con i professionisti esperti del settore, per non incorrere in reati tributari e fiscali, sia in Italia che all’estero.

Affidati a Dike Consulting per la tua pianificazione fiscale o per difendere il tuo patrimonio

Prenota qui la tua consulenza personalizzata su Skype o in una delle nostre sedi

Visita e metti ” mi piace” sulla nostra pagina Facebook

Siamo anche su Instagram

 

L'autore è stato iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti dal 1991 al 2017. Nel corso della sua vita professionale è stato Amministratore Unico di diverse società, membro di CdA di aziende a carattere nazionale. Ha una lunga esperienza di commercio e di Fiscalità internazionale, tax planning e mediazione internazionale. Si occupo di : - partecipazione in società di capitali, anche di diritto estero con relativa intestazione fiduciaria di azioni quotate e non, quote di srl; - intestazione fiduciaria di gestioni patrimoniali; - intestazione, amministrazione e custodia di patrimoni, donazioni, legati e fondazioni, titoli e valori mobiliari, gestione di lasciti e di esecuzioni testamentarie, amministrazione di eredità, successioni ereditarie; - partecipazione e rappresentanza in assemblee dei soci, degli azionisti; - gestione dei diritti di proprietà intellettuale; - rappresentanza in trattative di natura commerciale, per acquisizioni in Italia ed all'Estero; - costituzione di Fondazioni di diritto italiano ed estero; - assunzione di cariche sociali di Società e Fondazioni - amministrazioni di Trust con funzioni di Protector; - Intermediazione internazionale per l'acquisto o la vendita di prodotti o servizi; - tax planning e creazione di società all'estero; - delocalizzazione di imprese italiane all'estero; - trasferimento di aziende all'estero; - Temporary Manager sia in Italia che all'estero per le aziende nostre Clienti Collaborazioni con primarie strutture finanziarie e bancarie Contatti: info.dike.consulting@gmail.com Facebook: @difendiltuopatrimonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: