Fiscalità internazionale,  Unione Europea

Disciplina IVA in UE – Lontana l’armonizzazione

Questo odierno è l’articolo n. 200 del nostro blog.

Prima di addentrarci sull’argomento odierno, vogliamo esprimere tutta la nostra gratitudine a tutti i nostri lettori, che quotidianamente ci gratificano con le loro visite, i loro apprezzamenti, con le loro condivisioni sui Social, con le loro richieste di consulenza, con la scelta del nostro gruppo, quale Advisor per la fiscalità internazionale e la protezione del loro patrimonio.

Mantenere un blog sempre aggiornato, al passo con i tempi, cercando di dare un servizio ai lettori, avvicinandoli alla fiscalità internazionale con articoli dal taglio semplice ma non semplicistico, senza vendere inutili pdf, senza richiedere mail, senza sponsorizzazioni, senza alcun tipo di ritorno economico, è una impresa davvero ardua, che facciamo volentieri strappando i momenti liberi della nostra attività quotidiana, momenti spesso rubati ai nostri affetti più cari.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype o presso una delle nostre sedi

Ma tutto questo lo facciamo con gioia, perchè vediamo come giorno per giorno, settimana dopo settimana, il nostro impegno viene ricambiato da voi lettori. Questo ci da la forza di continuare a fornirvi il nostro umile contributo per aiutarvi a districarvi nella fiscalità internazionale, che come abbiamo sempre ripetuto è una materia in continua evoluzione.

Fatta questa debita premessa, negli ultimi anni abbiamo assistito a numerose riforme per rendere il sistema IVA dell’UE più coerente e favorevole alle imprese. Le soluzioni rapide, che sono entrate in vigore il 1 ° gennaio 2020, hanno cercato di armonizzare alcune delle norme che regolano il commercio all’interno dell’UE, in quanto la Commissione Europea ha sottolineato che le imprese impegnate in scambi transfrontalieri sostengono costi di conformità dell’11% più elevati rispetto a quelle che rientrano in uno nazione.

Il pacchetto sul commercio elettronico IVA (in vigore dal 1 ° gennaio 2021) semplificherà il commercio elettronico transfrontaliero: le imprese che vendono beni online ai consumatori in altri Stati membri non richiederanno più registrazioni multiple in quanto sarà sufficiente essere identificate ai fini IVA in una Solo paese UE.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype o presso una delle nostre sedi

Tuttavia, nel settore della comunicazione IVA, vediamo molti sviluppi che vanno chiaramente contro l’obiettivo di creare un’area IVA UE armonizzata. Sembra che ogni Stato membro abbia le proprie opinioni su quali dati debbano essere raccolti per verificare se le imprese soddisfano i propri obblighi in materia di conformità IVA e su come tali dati debbano essere trasmessi all’amministrazione fiscale. Finora non sono emerse migliori prassi o linee guida sulla conformità a livello dell’UE.

La prima tendenza degna di nota che sta guadagnando popolarità in Europa è la richiesta delle amministrazioni fiscali di fornire dati sulle transazioni , anziché importi aggregati. Sempre più paesi introducono l’obbligo di presentare il file di audit standard per le imposte (SAF-T), periodicamente o su richiesta dell’autorità fiscale.

Programmi pilota SAF-T sono attualmente in corso in Romania e Ungheria. Nel gennaio di quest’anno, la Norvegia ha iniziato a richiedere alle aziende di preparare un fascicolo SAF-T su richiesta dell’ispettore fiscale.

L’amministrazione fiscale greca ha in programma di conservare i libri elettronici dei contribuenti (registrando le transazioni di una società e altre informazioni contabili) sulla sua piattaforma digitale myDATA a partire dal 2020 o dal 2021

In Polonia, una dichiarazione IVA separata scomparirà a luglio e sarà sostituita con un obbligo di segnalazione SAF-T ampliato.

In Italia, la dichiarazione IVA rimarrà, ma sarà pre-compilata dall’amministrazione fiscale in modo che il lavoro delle imprese non sarà quello di prepararla ma di controllarla. A partire da luglio di quest’anno, l’amministrazione fiscale italiana creerà registri IVA e redigerà dichiarazioni IVA trimestrali per le imprese residenti in Italia.

Alcuni paesi hanno optato per una trasmissione più tempestiva dei dati di transazione. L’Ungheria e la Spagna sono stati i primi paesi dell’UE a introdurre sistemi di notifica (quasi) in tempo reale in cui i dati delle transazioni sono comunicati all’amministrazione fiscale su base giornaliera o ogni quattro giorni.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype o presso una delle nostre sedi

L’Italia è stato il primo paese europeo a implementare la fatturazione elettronica obbligatoria nelle transazioni business-to-business (B2B). Il modello italiano va ben oltre la rendicontazione in tempo reale dei dati delle transazioni in quanto richiede alle aziende di far approvare le loro fatture dall’amministrazione fiscale prima che queste fatture possano essere inviate ai clienti.

Anche Francia, Grecia e Polonia stanno prendendo in considerazione la fatturazione elettronica obbligatoria, sebbene nessuno abbia ancora annunciato proposte legislative dettagliate.

Il vantaggio della trasmissione dei dati in tempo reale è che l’amministrazione fiscale può rilevare tempestivamente transazioni sospette e prevenire attività fraudolente. Tuttavia, per alcuni paesi, disporre dei dati delle transazioni in tempo reale non è sufficiente: si sono resi conto che le attività fraudolente potrebbero non verificarsi affatto se i truffatori non avranno alcuna opportunità di ricevere l’IVA dai propri clienti.

La Polonia e l’Italia hanno introdotto un pagamento diviso obbligatorio, un metodo alternativo di riscossione dell’IVA in cui gli importi dell’IVA sono pagati direttamente all’amministrazione fiscale o ad un conto IVA speciale del fornitore ( in Italia si chiama Spli payment ).

In Italia, il pagamento frazionato si applica ai pagamenti effettuati alle autorità pubbliche dal 1 ° gennaio 2015. L’ambito di applicazione di questa misura è stato successivamente esteso alle società controllate dalle autorità pubbliche centrali e locali e alle società quotate in borsa.

In Polonia, il pagamento obbligatorio diviso è entrato in vigore a novembre 2019. È limitato a determinate forniture B2B (ad esempio elettronica, metallo, rottami, carburante, servizi di costruzione) oltre 15.000 PLN.

La Romania ha inoltre applicato brevemente il pagamento frazionato fino a quando la Commissione europea non gli ha detto di interrompere, sostenendo che la misura ha violato il diritto dell’UE.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype o presso una delle nostre sedi

Il frammentato panorama della conformità IVA mina chiaramente gli sforzi profusi nella creazione di un mercato unico europeo e comporta un enorme onere per le società che operano a livello globale con funzioni fiscali centralizzate. Ha anche un impatto negativo sulla cooperazione transfrontaliera e sulla condivisione dei dati. Come scambiare e confrontare i dati fiscali specifici per paese che comprende diversi elementi ed è disponibile in diversi formati?

Un approccio coordinato alla conformità dell’IVA andrebbe chiaramente a beneficio di tutte le parti interessate. L’elemento chiave di questo approccio potrebbe essere la presentazione regolare dei dati delle transazioni all’amministrazione fiscale.

In generale, ci sono due modi in cui è possibile fornire tali dati granulari: reportistica (le società inviano periodicamente o in tempo reale i report sui dati delle transazioni all’amministrazione fiscale) o liquidazione delle fatture (le fatture vengono inviate alle autorità fiscali per approvazione).

Il primo è un onere aggiuntivo per la conformità e crea molti costi aggiuntivi per i dipartimenti fiscali. Quest’ultimo è più allineato con i processi esistenti poiché le fatture devono essere emesse e scambiate comunque nelle relazioni commerciali. Tuttavia, coinvolgere le autorità fiscali nel processo di scambio di fatture può rappresentare un intervento di vasta portata nei processi aziendali e presentare rischi significativi: se la piattaforma di amministrazione fiscale è l’unico modo per scambiare fatture tra partner commerciali, vi sarà il rischio di un singolo punto di errore.

Un modello post-liquidazione in cui le amministrazioni fiscali convalidano le transazioni dopo che si sono verificate sembra offrire una soluzione più sicura.

La storia del sistema IVA dell’UE mostra che è difficile (se non impossibile) raggiungere il consenso in materia di conformità. Nel 2013 la Commissione europea ha presentato una proposta di dichiarazione IVA comune, ma non trovando l’unanime consenso di tutti gli Stati menbri la proposta è stata abbandonata.

Tuttavia, la crescente diversità degli obblighi di rendiconto IVA specifici per paese mostra chiaramente che la mancanza di un approccio uniforme a livello UE alla conformità dell’IVA non sarà sostenibile a lungo termine.

Ricorda sempre che la fiscalità internazionale è una materia complessa che deve essere affrontata con i professionisti esperti del settore, per non incorrere in reati tributari e fiscali, sia in Italia che all’estero.

Affidati a Dike Consulting per la tua pianificazione fiscale o per difendere il tuo patrimonio !

Prenota qui la tua consulenza personalizzata su Skype o in una delle nostre sedi

Visita e metti ” mi piace” sulla nostra pagina Facebook

Siamo anche su Instagram

L'autore è stato iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti dal 1991 al 2017. Nel corso della sua vita professionale è stato Amministratore Unico di diverse società, membro di CdA di aziende a carattere nazionale. Ha una lunga esperienza di commercio e di Fiscalità internazionale, tax planning e mediazione internazionale. Si occupo di : - partecipazione in società di capitali, anche di diritto estero con relativa intestazione fiduciaria di azioni quotate e non, quote di srl; - intestazione fiduciaria di gestioni patrimoniali; - intestazione, amministrazione e custodia di patrimoni, donazioni, legati e fondazioni, titoli e valori mobiliari, gestione di lasciti e di esecuzioni testamentarie, amministrazione di eredità, successioni ereditarie; - partecipazione e rappresentanza in assemblee dei soci, degli azionisti; - gestione dei diritti di proprietà intellettuale; - rappresentanza in trattative di natura commerciale, per acquisizioni in Italia ed all'Estero; - costituzione di Fondazioni di diritto italiano ed estero; - assunzione di cariche sociali di Società e Fondazioni - amministrazioni di Trust con funzioni di Protector; - Intermediazione internazionale per l'acquisto o la vendita di prodotti o servizi; - tax planning e creazione di società all'estero; - delocalizzazione di imprese italiane all'estero; - trasferimento di aziende all'estero; - Temporary Manager sia in Italia che all'estero per le aziende nostre Clienti Collaborazioni con primarie strutture finanziarie e bancarie Contatti: info.dike.consulting@gmail.com Facebook: @difendiltuopatrimonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: