Fiscalità,  Fiscalità internazionale,  Paesi extra UE,  Società estere

Le nuove regole 2018 sulla tassazione dei dividenti

Con le modifiche introdotte dalla Legge di Bilancio 2018, entrano in vigore rilevanti novità sulla tassazione dei dividendi a partire dal 1° gennaio 2018.

Nel descrivere le modifiche cogliamo anche l’occasione per fare il punto generale sulla tassazione degli utili percepiti sia dalle persone fisiche che dalle società.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype 

La Legge di Stabilità 2018, Legge n. 27.12.2017 n. 205, ha introdotto modifiche che interessano i soggetti Irpef che detengono le partecipazioni al di fuori dell’attività di impresa modificando sia la disciplina relativa alla tassazione dei redditi di capitali (utili distribuiti), sia quella relativa alla tassazione dei redditi diversi (plusvalenze da trasferimento della partecipazione).

Importanti novità inoltre sono introdotte con riferimento alla tassazione dei dividendi provenienti da Paesi Black List in capo alle società soggette a Ires.

In merito alla novità che interessa i soggetti Irpef, la stessa va nel senso di non distinguere più la circostanza che la partecipazione societaria dalla quale deriva il reddito – sia esso l’utile distribuito sia esso il capital gain – sia una partecipazione qualificata oppure una non qualificata.

La nuova legge contempla la applicazione della medesima imposta sostitutiva del 26% da applicarsi – a regime – a tutti i casi.

E’ poi previsto un articolato regime transitorio che comporta, di fatto, un passaggio graduale nel tempo dalla vecchia alla nuova disciplina.

Deve essere subito osservato come l’equiparazione tra partecipazioni qualificate e non, fosse da tempo attesa: ed in effetti stante il progressivo innalzamento dell’aliquota unica dal 12,50% al 20% ed, infine, al 26% si erano ormai da tempo invertiti, almeno nella maggior parte dei casi, gli originari termini di convenienza diretti a favorire il piccolo investitore (partecipazione non qualificata) rispetto al grande investitore (partecipazione qualificata), quest’ultimo ormai avvantaggiato nell’ambito della tassazione a regime ordinario.

In particolare con la modifica dell’art. 44 Tuir sui redditi di capitale, il legislatore ha allineato il prelievo su tali rendite finanziarie, con applicazione dell’imposta sostitutiva del 26%, finora applicata solo sugli utili e proventi assimilati “non qualificati” (derivanti da partecipazioni non qualificate).

Si segnala che le nuove regole si applicano soltanto ai redditi conseguiti da persone fisiche residenti in Italia che li percepiscono al di fuori dell’esercizio dell’impresa.

Di contro non sono interessati dalla modifica normativa né i soggetti Irpef imprenditori (persone fisiche che detengono la partecipazione nell’ambito di attività di impresa e le società persone), né i soggetti non residenti nello Stato. Per questi restano in vigore le regole previgenti.

La tassazione con l’aliquota secca del 26% trova poi applicazione anche per gli utili derivanti dalla partecipazione in società estere a regime fiscale non privilegiato,      ( non in black list ) nuovamente senza distinzione sulla misura della partecipazione.

In merito alla concreta applicazione di detta tassazione occorre segnalare che in caso di presenza di un intermediario residente, la stessa avverrà attraverso la ritenuta a titolo d’imposta del 26%, prelevata dallo stesso intermediario sul cd. “netto frontiera” e con la conseguenza che non emergeranno obblighi dichiarativi in capo al contribuente. Nel caso in cui l’accredito degli utili avvenga dalla società estera a favore del socio in modo diretto e non mediato, il pagamento dell’imposta sostitutiva per i redditi di capitale di fonte estera prevista dall’art. 18 del Tuir avverrà in sede di autoliquidazione, assolvendo dunque anche all’indicazione in dichiarazione.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype 

Sul punto occorre segnalare che, per quanto sia discutibile l’effetto di disparità di trattamento che ne consegue, ove non intervenga un intermediario residente l’aliquota del 26% in sede di autoliquidazione sembra doversi calcolare sull’importo lordo (anziché sul cd. “netto frontiera”).

Restando nell’ambito di partecipazioni in società estere deve dirsi che le novità non riguardano, invece, gli utili provenienti da società localizzate in Paesi a fiscalità privilegiata diversi da quelli dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo, sempre percepiti dalle persone fisiche al di fuori del reddito di impresa.

Tali utili continuano a concorrere alla formazione del reddito complessivo imponibile per il loro intero ammontare risultando dunque soggetti alle ordinarie aliquote progressive.

Come anticipato, anche nella tassazione dei capital gain l’imposizione adesso si uniforma con applicazione della medesima aliquota secca del 26% e senza più distinguere fra partecipazioni qualificate e non qualificate.

Si è detto di una applicazione graduale nel tempo delle novità sui dividendi. La disciplina transitoria prevede che per le distribuzioni di utili derivanti da partecipazioni qualificate deliberate dall’1.1.2018 al 31.12.2022 e realizzati sino all’esercizio in corso al 31.12.2017, continuano ad applicarsi le previgenti disposizioni del DM 26.5.2017; ne consegue che tali proventi concorrono alla formazione del reddito complessivo:

– per il 40% del loro ammontare, se relativi a utili prodotti fino all’esercizio in corso al 31.12.2007;
– per il 49,72% del loro ammontare, se relativi a utili prodotti a decorrere dall’esercizio successivo a quello in corso al 31.12.2007 e fino all’esercizio in corso al 31.12.2016;
– per il 58,14% del loro ammontare, se relativi a utili prodotti nell’esercizio successivo a quello in corso al 31.12.2016

La disposizione della normativa transitoria fa riferimento alla data della delibera. Si pone pertanto un dubbio interpretativo per il caso di delibere di distribuzione già adottate nel 2017, ma che non hanno visto esecuzione nell’anno e che danno luogo al pagamento degli utili nel 2018. La lettura rigorosa della norma non consentirebbe di ricomprendere tale fattispecie nella disciplina transitoria, e dunque, renderebbe rischioso la soluzione dell’assoggettamento delle somme all’imposta sostitutiva del 26% in caso di partecipazione qualificata.

Se non intervengono chiarimenti sul punto, al fine di sgombrare il campo da dubbi, si può pensare di procedere con una preventiva revoca della delibera 2017 e con la adozione di una nuova delibera in corso di anno 2018.

Con decorrenza dal 1° gennaio 2018 il legislatore ha introdotto alcune novità anche alla disciplina dei dividendi percepiti dai soggetti Ires.
In linea generale, i dividendi percepiti da tali soggetti continuano a concorrere alla formazione della base imponibile Ires nel limite del 5%, per effetto della disciplina Pex di cui all’art. 89 comma 2 Tuir (Nota 5).
La novità riguarda la tassazione degli utili che provengono da società partecipate localizzate in Stati o territori aventi un regime fiscale privilegiato, per i quali è stato introdotto un regime agevolato che prevede, a determinate condizioni, l’esclusione parziale, in misura pari al 50%, dal reddito della società perciepiente.
Si ricorda che la normativa previgente prevedeva l’integrale imposizione dei dividendi di provenienza black list, salvo solo l’ipotesi in cui gli utili stessi fossero imputati al socio per trasparenza ai sensi della disciplina Cfc, ovvero a seguito della dimostrazione che «dalle partecipazioni non fosse conseguito l’effetto di localizzare i redditi in Stati o territori a regime fiscale privilegiato» (seconda esimente).
Oggi , con modifica dell’art. 89, comma 3 TUIR, sono introdotte le seguenti due novità sui dividendi provenienti da paradisi fiscali:
1. tassazione al 50% per i dividendi provenienti da società operative residenti in Stati o territori a fiscalità privilegiata a condizione che sia dimostrata la c.d. “prima esimente” ex art. 167 comma 5 lett. a) del TUIR;
2. esenzione ordinaria del 95% per la distribuzione degli utili prodotti quando la controllata non era inclusa nella black list, anche se al momento della percezione la stessa è considerata residente in un paradiso fiscale.
Con la prima modifica si dà rilevanza, ai fini dell’esclusione dal reddito del 50% dei dividendi percepiti, all’effettivo svolgimento, da parte del soggetto non residente, di un’attività industriale o commerciale nel mercato dello Stato o territorio di insediamento. A tale scopo è possibile ipotizzare il ricorso allo strumento dell’interpello.
Si segnala che fino ad oggi, la dimostrazione dell’esimente dell’attività commerciale risultava rilevante solo nell’ambito della disapplicazione della disciplina Cfc evitando la tassazione per trasparenza ma ferma restando la tassazione integrale dei dividendi percepiti.
Rimane, inoltre, la possibilità di computare il credito d’imposta per le imposte assolte dalla partecipata, sugli utili maturati durante il periodo di possesso della partecipazione, in proporzione alla quota imponibile degli utili conseguiti (50%) e nel limite massimo dell’imposta italiana relativa a tali utili.
Con la seconda modifica è introdotta la possibilità di beneficiare del regime ordinario Pex dei dividendi (tassazione Ires sul 5%) attraverso la dimostrazione dell’esimente di cui alla lett. b) del comma 5 dell’art. 167 del Tuir, ossia che dalle partecipazioni non è stato conseguito, sin dall’inizio del periodo di possesso, l’effetto di localizzare i redditi in Stati o territori in cui sono sottoposti a regimi fiscali privilegiati.
Infine, mancando una specifica puntualizzazione sulla decorrenza, le nuove regole dovrebbero applicarsi alle distribuzioni di utili eseguite dal 1° gennaio 2018, indipendentemente dall’esercizio di maturazione e dalla data della delibera.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype 

Si segnala che le disposizioni da ultimo esaminate valgono ad incentivare il rimpatrio degli utili da paesi Black List così come le ulteriori modifiche apportate dalla Legge di Stabilità hanno la finalità di offrire adesso un correttivo rispetto ai differenti criteri adottati negli anni 2014 e 2015 per identificare i Paesi Black List

Ricorda sempre che la fiscalità internazionale è una materia complessa che deve essere affrontata con i professionisti esperti del settore, per non incorrere in reati tributari e fiscali, sia in Italia che all’estero

Affidati a Dike Consulting !  

Clicca quì e prenota la tua consulenza personalizzata su Skype per l’apertura di una nuova società estera o per proteggere il tuo patrimonio.

www.dikeconsulting.eu

Facebook: Dike Consulting

Instagram: Dike Consulting

 

 

L'autore è stato iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti dal 1991 al 2017. Nel corso della sua vita professionale è stato Amministratore Unico di diverse società, membro di CdA di aziende a carattere nazionale. Ha una lunga esperienza di commercio e di Fiscalità internazionale, tax planning e mediazione internazionale. Da oltre 20 anni ha fondato Dike Consulting, un network di studi professionali con 4 sedi ( Londra,Praga,Tirana, Malta ) e numerose collaborazioni con prestigiosi studi professionali nel mondo. Dike Consulting, assiste i Clienti esercitando le seguenti attività : - partecipazione in società di capitali, anche di diritto estero con relativa intestazione fiduciaria di azioni quotate e non. - intestazione fiduciaria di gestioni patrimoniali; - intestazione, amministrazione e custodia di patrimoni, donazioni, legati e Fondazioni. - partecipazione e rappresentanza in assemblee dei soci, degli azionisti; - gestione dei diritti di proprietà intellettuale; - rappresentanza in trattative di natura commerciale, in Italia ed all'Estero; - costituzione di Fondazioni di diritto italiano ed estero; - assunzione di cariche sociali di Società e Fondazioni - amministrazioni di Trust con funzioni di Protector; - Intermediazione internazionale per l'acquisto o la vendita di prodotti o servizi; - tax planning e creazione di società all'estero; - delocalizzazione e trasferimento di imprese italiane all'estero; - servizi di Temporary Manager sia in Italia che all'estero per le aziende nostre Clienti Collaborazioni con primarie strutture finanziarie e bancarie Contatti: info.dike.consulting@gmail.com Facebook: @difendiltuopatrimonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
Chatta con noi
Ciao, sono Marzia di Dike Consulting. Posso aiutarti ?
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: