La tassa patrimoniale: i Paesi che l’applicano

In questo mese che ci distanzia dalle elezioni del 25 Settembre prossimo, la campagna elettorale, come purtroppo succede da qualche decennio è centralizzata più a cercare di demonizzare l’avversario che ha formulare delle proposte nuove, innovative, serie e concrete. Tra i vecchi “cavalli di battaglia” della sinistra italiana, viene riproposta ciclicamente la Tassa Patrimoniale, ribattezzata dal Segretario del PD Letta, in questa campagna elettorale “Dote per i giovani” “Noi la porteremo avanti e sarà finanziata con la tassa di successione per i patrimoni plurimilionari – ha spiegato il segretario del Pd – è giusto che uno che ha un patrimonio così lasci qualcosa alla società: se viene ridato ai giovani attanagliati dalla precarietà questo è il senso di generazioni che si aiutano”.Ed ecco servito il pacchetto “patrimoniale” in salsa 2022: un po’reddito di cittadinanza un po’ imposta sulla ricchezza altro non è che l’ennesimo gesto assistenzialista proposto dalla politica per sanare i conti e far bella figura con l’elettorato, “dire qualcosa di sinistra” soprattutto rivolto ai giovani, che come si evidenzia dai sondaggi sono poco propensi a recarsi alle urne. Per chiedere una consulenza clicca qui Ma esattamente cos’è l’imposta patrimoniale ? In quali Paesi si paga? Ma sopratutto che gettito ha ? Le imposte nette sul patrimonio sono imposte ricorrenti sulla ricchezza di un individuo, al netto del debito. Il concetto di imposta sul patrimonio netto è simile a un’imposta sulla proprietà immobiliare. Ma invece di tassare solo gli immobili, copre tutta la ricchezza che un individuo possiede.  Come mostra la mappa odierna, solo tre paesi europei dell’OCSE  applicano un’imposta sul patrimonio netto , vale a dire Norvegia, Spagna e Svizzera.  Francia e Italia riscuotono imposte sul patrimonio su attività selezionate ma non sulla ricchezza netta di un individuo di per sé, anche se c’è da precisare che in Italia sotto la parola “patrimoniale” possiamo includere ben 15 tasse. Ma proseguiamo la nostra paronamica sulle tasse patrimoniali in Europa ed in particolare sulla UE, grazie al grafico ed al contributo di Tax Foundation. Imposte sul patrimonio netto La Norvegia applica un’imposta sul patrimonio netto dello 0,95% sui titoli patrimoniali delle persone fisiche che superano 1,7 milioni di NOK (180.000 euro o 190.000 dollari USA), con lo 0,7% destinato ai comuni e lo 0,25% al ​​governo centrale. L’imposta sul patrimonio netto della Norvegia risale al 1892. Inoltre, per la ricchezza netta superiore a 20 milioni di NOK (2,3 milioni di dollari), l’aliquota fiscale è dell’1,1%. Per chiedere una consulenza clicca qui L’imposta sul patrimonio netto della Spagna è un’imposta progressiva che va dallo 0,2% al 3,75% sui titoli patrimoniali superiori a € 700.000 ($ 761.000; inferiore in alcune regioni), con aliquote che variano sostanzialmente tra le regioni autonome della Spagna (Madrid offre uno sgravio del 100%). I residenti spagnoli sono soggetti all’imposta su base mondiale, mentre i non residenti pagano l’imposta solo sui beni situati in Spagna. La Svizzera riscuote l’imposta sul patrimonio netto a livello cantonale e copre i patrimoni mondiali (ad eccezione degli immobili e delle stabili organizzazioni ubicate all’estero). Le aliquote fiscali e le indennità variano notevolmente tra i cantoni. L’imposta sul patrimonio netto svizzera fu introdotta per la prima volta nel 1840. Tasse sul patrimonio su beni selezionati La Francia ha abolito la sua imposta sul patrimonio netto nel 2018 e l’ha sostituita quell’anno con un’imposta sul patrimonio immobiliare. Sono soggetti all’imposta i residenti fiscali francesi il cui patrimonio immobiliare netto mondiale è valutato pari o superiore a 1,3 milioni di euro (1,4 milioni di dollari), così come i residenti fiscali non francesi il cui patrimonio immobiliare netto situato in Francia è valutato pari o superiore a 1,3 euro milioni. A seconda del valore netto del patrimonio immobiliare, l’aliquota fiscale varia fino all’1,5%. L’ Italia tassa le attività finanziarie detenute all’estero senza intermediari italiani da contribuenti residenti individuali allo 0,2 per cento. Inoltre, gli immobili detenuti all’estero da residenti fiscali italiani sono tassati allo 0,76 per cento, e questo agli occhi degli osservatori internazionali è incluso nelle cosidette tasse patrimoniali. Peccato che come scrivevo prima in realtà l’Italia applica ben 15 tasse patrimoniali “nascoste” che sono: Imu e Tasi, ad esempio, che non colpendo il reddito, ma il possesso del bene vanno considerate imposte patrimoniali a tutti gli effetti e che da sole valgono 21 miliardi di euro. Poi ci sono l’imposta di bollo, il bollo auto, il canone RAI, l’imposta su imbarcazioni e aeromobili, la tassa sulle transazioni finanziarie, le imposte di registro, di successione, le catastali, le ipotecarie, ecc..Dal 1990 ad oggi l’aumento del gettito da “imposte patrimoniali nascoste” è stato pari al 400 per cento, a fronte di una crescita del 90% dell’inflazione. Quindi in realtà le imposte patimoniali gravano in Italia, ben oltre i grafici e gli studi della comunità internazionale e sinceramente non vedo l’esigenza di introdurne delle nuove. Il Belgio ha introdotto nel 2021 una tassa di solidarietà o una tassa sui conti titoli (TSA) dello 0,15% sui conti titoli che raggiungono o superano 1 milione di euro (1,09 milioni di dollari). Tuttavia, un’imposta simile è stata annullata, nel 2019, dalla Corte costituzionale belga. Il campo di applicazione della nuova TSA è stato ampliato per includere i conti titoli detenuti in Belgio e all’estero e riscosso sul conto titoli stesso. Pertanto, il numero di titolari di conto o il loro stato di proprietà è irrilevante. Colgo l’occasione per precisare che questo articolo fornisce informazioni di carattere generale e non sostituisce la consulenza personalizzata. Le variabili di ogni singolo caso devono essere analizzate da un consulente specializzato in fiscalità internazionale, per evitare di incorrere in reati tributari e multe salatissime. In ultimo ti ricordo che nel mio Libro “ESTERO SICURO” , per esempio ti spiego le diverse discipline fiscali, ed i sistemi di tassazione ad oggi presenti nel mondo, oltre a darti la possibilità di scoprire tantissime cose sulla fiscalità internazionale e farti conoscere alcuni veicoli societàri per difendere il patrimonio. L’acquisto del libro ti da la possibilità di utilizzare un BONUS, contenuto all’interno che dà il diritto ad usufruire dello sconto del 50% sulla TUA consulenza personalizzata. Il libro lo trovi in vendita su Amazon e nei principali e-book store. Si, voglio acquistare il libro ESTERO SICURO ed usufruire del BONUS del 50% sul prezzo della mia consulenza personalizzata Visita e metti ” mi piace” sulla nostra pagina Facebook