Fiscalità internazionale

Le imposte di successione e donazione in Europa

Credo che sia opinione diffusa che una tra le tasse più odiate al mondo siano quelle relative alla successione e alle donazioni.

Infatti non riusciamo a comprendere un patrimonio che sia già di fatto nostro o della nostra famiglia, per il solo fatto di esserci trasferito sotto forma di eredità o donazione, sia oggetto di imposta.

Ma gli Stati sulla proprietà privata hanno sempre lucrato, infatti per esempio la tassa di successione risale all’Impero Romano, che raccoglieva il 5% della proprietà ereditata per pagare le pensioni dei soldati. 

Per chiedere una consulenza clicca qui

La maggior parte dei paesi europei, appartenenti o meno alla UE, evidenziati nella mappa che segue, attualmente riscuote tasse su successione, eredità o donazioni. Questi paesi sono Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovenia, Spagna, Svizzera, Turchia, e il Regno Unito.

Le imposte di successione sono riscosse sulla proprietà del defunto e sono riscosse sul valore dei beni trasferiti e sono pagate dagli eredi, mentre le imposte sulle donazioni vengono riscosse quando la proprietà viene trasferita da un individuo vivente a favore di un beneficiario.

I paesi in genere applicano solo la tassa di successione o di donazione. Tuttavia, le proprietà possono essere soggette a doppia tassazione se rientrano in due giurisdizioni che applicano tasse diverse. Per questo motivo, gli Stati membri dell’Unione Europea hanno applicato meccanismi volti a prevenire o alleviare la doppia imposizione se si verifica una situazione del genere.

Per quanto allettanti possano sembrare per gli Stati, le imposte sulle successione e donazioni, specialmente quando l’OCSE le considera un modo per ridurre la disuguaglianza di ricchezza, la loro limitata capacità di raccogliere entrate e il loro impatto negativo sull’attività imprenditoriale, sul risparmio e sul lavoro dovrebbero indurre i responsabili politici a considerare la loro abrogazione invece di potenziarli.

La mappa che segue dà l’idea della distribuzione di queste imposte nella UE ed è stata realizzata da Tax Foundation ed aggiornata al 2021.

Aliquote fiscali sulle successioni in Europa e aliquote sulle successioni in Europa.  Svezia Danimarca e Norvegia non hanno una tassa di successione L'Europa ha una tassa di successione

Le aliquote fiscali applicate alle successioni ed alle donazioni dipendono spesso dal livello di vicinanza familiare all’erede e dall’importo da ereditare. Ad esempio, in Francia, si applicano aliquote diverse ai trasferimenti tra ascendenti e discendenti, tra fratelli, consanguinei fino al quarto grado e tutti gli altri. Per i trasferimenti ad ascendenti e discendenti, nonché tra fratelli, vengono applicate tariffe più elevate a somme di denaro maggiori.

Per chiedere una consulenza clicca qui

L’ Italia, tristemente nota per essere uno dei Paesi europei con la pressione fiscale più elevata, nell’ambito delle imposte di donazione e successione, facendo il paragone con altri Paesi (anche a noi molto vicini come per esempio Francia o Svizzera) per certi versi può essere considerato un “paradiso fiscale”, almeno per il momento. Infatti, l’imposta sulle donazioni e successioni segue il seguente schema:

aliquote e franchigie sono determinate dal rapporto di parentela tra beneficiario e donante:

  • 4% per il coniuge e i parenti in linea retta, da calcolare sul valore eccedente 1 milione di euro, per ciascun beneficiario
  • 6% per fratelli e sorelle, da calcolare sul valore eccedente 100mila euro, per ciascun beneficiario
  • 6% da calcolare sul valore totale (cioè senza alcuna franchigia), per gli altri parenti fino al quarto grado, affini in linea retta, affini in linea collaterale fino al terzo grado
  • 8% da calcolare sul valore totale (cioè senza alcuna franchigia), per le altre persone.

Se a beneficiare del trasferimento è una persona portatrice di handicap grave l’imposta si applica sulla parte del valore della quota che supera 1.500.000 euro, a prescindere dal grado di parentela tra i soggetti coinvolti.

In altri Paesi della UE, come il Belgio o la Svizzera, anche le aliquote fiscali su proprietà, donazioni e successioni variano in base alla regione. La maggior parte dei paesi europei non tassa i trasferimenti al di sotto di un determinato importo.

PaeseTasse di successione/eredità/regaliAliquota fiscale
Austria (AT)No
Belgio (BE)3-80% (dipende dalla regione)
Bulgaria (BG)0,4-6,6%
Croazia (HR)4%
Cipro (CY)No
Repubblica Ceca (CZ)Si applica l’imposta sul reddito (le eredità sono completamente esenti da imposta, ma i regali possono essere tassati)
Danimarca (DK)0-52%
Estonia (EE)No
Finlandia (FI)7-33%
Francia (FR)5-60%
Germania (DE)7-50%
Grecia (GR)1-40%
Ungheria (HU)9-18%
Islanda (IS)10%
Irlanda (IE)33%
Italia (IT)4-8% (con franchiggia di 1.000.000 a favore di determinati beneficiari)
Lettonia (LV)NoNessuna imposta su eredità/patrimonio, ma l’imposta sul reddito può essere applicata ai regali
Lituania (LT)5-10%
Lussemburgo (LU)0-48%
Malta (MT)NoNessuna tassa di successione/eredità/regalo, ma può essere applicata una tassa di trasferimento del 5%.
Paesi Bassi (NL)10-40%
Norvegia (NO)No
Polonia (PL)0-20%
Portogallo (PT)10%
Romania (RO)NoNessuna tassa di successione/patrimonio/regalo, tranne in relazione al trasferimento di beni immobili in determinate circostanze
Slovacchia (SK)No
Slovenia (SI)5-39%
Spagna (ES)7,65-81,6%
Svezia (SE)No
Svizzera (CH)0-50% (dipende dal cantone)
Turchia (TR)1-30%
Regno Unito (GB)20-40%

Fonte: Tax Foundation, 17 Maggio 2022 , EY, “Worldwide Estate and Inheritance Tax Guide 2021”, 14 giugno 2021, https://www.ey.com/en_gl/tax-guides/worldwide-estate-and-inheritance-tax-guide-2020 ; e PwC, “Worldwide Tax Summaries”, consultato il 10 maggio 2022, https://taxsummaries.pwc.com/ .

Ereditare o ricevere una donazione da un residente estero, può far scattare un caso di doppia imposizione , per cui in questo caso vi consigliamo di rivolgervi ad un professionista che potrà guidarvi nel comprendere le diverse norme applicabili in ogni Paese.

Nel Libro “ESTERO SICURO” , per esempio ti spiego le diverse discipline fiscali, ed i sistemi di tassazione ad oggi presenti nel mondo, oltre a darti la possibilità di scoprire tantissime cose sulla fiscalità internazionale e farti conoscere alcuni veicoli societàri per difendere il patrimonio.

Ti ricordo che l’acquisto del libro ti da la possibilità di utilizzare un BONUS, contenuto all’interno che dà il diritto ad usufruire dello sconto del 50% sulla TUA consulenza personalizzata.

Il libro lo trovi in vendita su Amazon e nei principali e-book store.

Si, voglio acquistare il libro ESTERO SICURO ed usufruire del BONUS del 50% sul prezzo della mia consulenza personalizzata

Visita e metti ” mi piace” sulla nostra pagina Facebook

L'autore è stato iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti dal 1991 al 2017. E' iscritto nell'Albo dei Revisori Legali presso il Ministero di Grazia e Giustizia. Blogger, pubblicista ed autore del libro "Estero Sicuro". Relatore in convegni e seminari sull'internazionalizzazione d'impresa e pianificazione fiscale internazionale. Nel corso della sua vita professionale è stato Amministratore Unico di diverse società, membro di CdA di aziende a carattere nazionale. Ha una lunga esperienza di commercio e di Fiscalità internazionale, Tax planning e mediazione internazionale. Da oltre 20 anni ha fondato Dike Consulting, un network di studi professionali con 5 sedi ( Londra,Praga,Tirana, Malta e Pogdorica) e numerose collaborazioni con prestigiosi studi professionali nel mondo. Dike Consulting, assiste i Clienti esercitando le seguenti attività : - pianificazione fiscale internazionale per liberi professionisti, imprenditori ed imprese con relativa costituzione di società e veicoli giuridici - intestazione, amministrazione e custodia di patrimoni, donazioni, legati e Fondazioni. - partecipazione e rappresentanza in assemblee dei soci, degli azionisti; - gestione dei diritti di proprietà intellettuale; - rappresentanza in trattative di natura commerciale, in Italia ed all'Estero; - costituzione di Fondazioni di diritto italiano ed estero; - assunzione di cariche sociali di Società e Fondazioni - amministrazioni di Trust con funzioni di Protector; - Intermediazione internazionale per l'acquisto o la vendita di prodotti o servizi; - delocalizzazione e trasferimento di imprese italiane all'estero; - servizi di Temporary Manager sia in Italia che all'estero per le aziende nostre Clienti Collaborazioni con primarie strutture finanziarie e bancarie Contatti: info@dikeconsulting.eu Facebook: @difendiltuopatrimonio

Il Nuovo Libro di Estero Sicuro: Come puoi GUADAGNARE fino al 60% in più, con la pianificazione fiscale internazionale.GUARDA ORA
Open chat
Chatta con noi
Ciao, sono Marzia di Dike Consulting. Posso aiutarti ?