Fiscalità,  Fiscalità internazionale,  Società estere,  Uncategorized,  Unione Europea

Fiscalità di vantaggio – Arcipelago delle Canarie

In questo ultimo anno sono sempre di più gli italiani, che per sfuggire alla pressione fiscale e alla crisi politica ed economica che attraversa l’Italia da molto tempo, hanno scelto di  stabilirsi alle Canarie.

Tantissimi sono i siti che si possono trovare che danno informazioni a chi è intenzionato a fare il “grande salto” di trasferirsi all’estero.

Perché proprio alla Canarie ? Andiamo a conoscere meglio questo angolo di paradiso in mezzo all’Oceano Atlantico di fronte alla costa occidentale dell’Africa.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype cliccando qui

Innanzitutto le Isole Canarie pur appartenendo alla Spagna e quindi all’Unione Europea, sono situate in una zona cosiddetta “ultra periferica”, a cui si applica una tassazione ridotta rispetto alla Spagna stessa ed anche rispetto agli altri Stati Europei; non sono un paradiso fiscale, ma offrono molteplici vantaggi sulla fiscalità.

Alle Canarie si applica la totalità delle politiche comunitarie, ma le peculiarità geografiche delle isole permettono loro di beneficiare di una serie di eccezioni e modulazioni molto favorevoli nell’applicazione del Diritto Comunitario.

Non essendo paradisi fiscali non sono inserite nella cosidetta “Black List”.  Tutte le Isole Canarie: Tenerife, Gran Canaria, La Palma, Fuerteventura, Lanzarote, El Hierro e La Gomera sono state dichiarate dal governo spagnolo zone a statuto speciale per agevolarne lo sviluppo economico.

Le isole Canarie rappresentano quindi l’area europea che maggiormente usufruisce di un regime fiscale speciale volto a favorire l’attività economica e per questa ragione offrono una grossa opportunità all’iniziativa privata e imprenditoriale che vuole investire in queste aree.

L’arcipelago offre in tutto il suo territorio importanti facilitazioni di natura fiscale, previste da uno speciale

Regime Economico e Fiscale

Il Regime Economico e Fiscale (REF), prevede tra l’altro, l’assenza del regime IVA, una zona denominata ZEC con tassazione speciale al 4%, la RIC ovvero la riserva per gli investimenti alle Canarie, La DIC, che è una diminuzione di Imposta per gli investimenti alle Canarie e l’IGIC ( corrispondente della nostra IVA) sulle transazioni interne con aliquota al 7%.

La zona ZEC

( Zona Speciale Canaria ) autorizzata dalla Commissione Europea nel 2000, è una zona a fiscalità ridotta che è stata creata all’interno del REF con lo scopo di promuovere lo sviluppo economico e sociale dell’arcipelago delle Canarie.

Vi si possono insediare tutti quegli enti che desiderano svolgere attività industriale, commerciale o di servizi, con il requisito di essere un ente di nuova costituzione con domicilio e sede in una delle isole ed almeno uno degli amministratori deve essere residente alle Canarie.

Per accedere alla ZEC è necessario realizzare un’investimento in immobilizzazioni (entro i primi due anni) minimo di 100.000 euro nelle isole maggiori di Gran Canaria o Tenerife, oppure di 50.000 euro nelle altre isole minori e creare almeno cinque posti di lavoro nelle isole maggiori oppure tre nelle minori.

I vantaggi di cui godono gli enti ZEC consistono in un’aliquota agevolata del 4% oltre all’applicazione delle convenzioni che evitano la doppia imposizione fiscale.

RIC (riserva per investimenti)

la RIC o riserva per investimenti nelle Canarie è stato istituito per agevolare l’autofinanziamento degli investimenti delle imprese che sviluppano la propria attività alle Canarie, ne beneficiano le società e le altre persone giuridiche soggette all’imposta sul reddito delle società ed anche le persone fisiche soggette all’imposta diretta sui redditi, ( imprese o liberi professionisti).

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype cliccando qui

La condizione per beneficiare della RIC è che l’impresa abbia almeno uno stabilimento permanente alle Canarie, mentre i vantaggi consistono in una riduzione della base imponibile fino al 90% degli utili reinvestiti alle Canarie, inoltre la RIC è compatibile con glia altri benefici e sconti fiscali derivati dal REF e dal Regime Generale delle imposte sulle Società.

In generale le quantità che si destinano al RIC devono essere materializzate in acquisizione di beni nuovi o usati in uno dei seguenti investimenti:

Investimento iniziale
Creazione di posti di lavoro
Acquisizione di elementi patrimoniali che non costituiscano investimento iniziale
Sottoscrizione di azioni o partecipazioni in società per la costituzione o l’ampliamento del capitale e del debito pubblico delle Canarie.

la RIC dovrà essere realizzato entro 4 anni dalla data di accantonamento ed il tempo minimo di mantenimento in funzione dei beni e di ciò che è stato materializzato nella riserva è di cinque anni.

Sono previste delle sanzioni amministrative ed interessi di mora, qualora non si rispettino i requisiti previsti dalla normativa stessa.

DIC

La DIC ( diminuzione dell’imposta per gli investimenti alle Canarie) funziona come nel RIC, con la differenza che l’agevolazione agisce direttamente sull’imposta. Infatti il 30% dell’imposta risultante dall’applicazione delle aliquote del caso, se reinvestita in beni patrimoniali, non si paga e si accantona in apposita riserva.

La DIC è applicabile anche all’imposta da pagare risultante dall’applicazione della RIC.

IGC

IGC è l’imposta indiretta che grava sulle transazioni interne tra i residenti nelle isole, la sua aliquota è del 7% e la sua funzione e liquidazione funziona come per la nostra IVA che alle Canarie non è applicabile.

LA TASSAZIONE DEI LAVORATORI AUTONOMI

Apertura attività imprenditoriale. Per aprire un’attività come autonomo è sufficiente avere il NIE, una volta aperta la posizione fiscale viene rilasciato il NIF che non è altro che lo stesso numero di NIE che diventa anche equivalente alla partita IVA italiana.

Sono considerati autonomi sia gli imprenditori sia i professionisti.

Alle imprese si applica il sistema della tassazione DIRETTA o di quella OGGETTIVA, mentre ai professionisti, solo il sistema di TASSAZIONE DIRETTA alla quale si applica l’aliquota impositiva corrispondente al proprio scaglione di reddito.

Con il sistema di TASSAZIONE OGGETTIVA detta anche MODULO, si applica un’aliquota fissa del 2% alla base imponibile risultante dall’applicazione di determinati coefficienti a specifiche spese, che sono tipiche dell’attività svolta.

TASSAZIONE SULLE SOCIETÀ

Il Real Decreto-ley 4/2013, del 22/2/2013 al fine di stimolare e sostenere l’imprenditorialità e crescita economica ha determinato che per i primi 2 anni di esercizio (il cui bilancio risulti in attivo) le imprese di nuova costituzione saranno tassate con un’aliquota (ridotta) al 15% anziché quella prevista dal Regime Ordinario:

Terminato il periodo di due anni di prima attività, le Società verranno tassate secondo questo schema aggiornato per il 2016:

Imposta di tipo generale: 25%
Fatturato inferiore ai 5 Milioni di € e con meno di 25 dipendenti: 25%
Fatturato inferiore ai 10 Milioni di €: 25%
Noterete che, sulla base dei Bollettino Ufficiale, per il 2016 le aliquote coincidono con tutte le tipologie di Società indipendentemente dal loro volume di affari e numero dipendenti.
La Società che andrà a svolgere le attività sarà sottoposta ad una tassazione come sopra descritto e calcolato a fine esercizio annuale.
Le Società che operano alle Canarie beneficiano di un consistente vantaggio, che le rende più competitive ed appetibili nella loro veste di consulenti, intermediari, erogatori di servizi e fornitori di beni, nella procedura di fatturazione verso Entità ubicate al di fuori del territorio Canario e Spagnolo.

In caso di fatturazione nei confronti di clienti italiani ad esempio si potrà fatturare senza IVA verso altre società e fatturare con un’imposta pari al 7% verso persone fisiche.

ALTRE IMPOSTE : ASSISTENZA SANITARIA

I lavoratori autonomi, imprenditori o professionisti, e gli amministratore di società sono tenuti a pagare l’assistenza sanitaria. Il costo mensile è di circa 280 euro. Nei primi diciotto mesi di attività, sono concesse agevolazioni per nuove attività ad esclusione degli amministratori:

per i primi sei mesi è concessa una riduzione dell’80%
per i secondi sei mesi del 50%
per gli ultimi sei mesi del 30%
La riduzione del 30% è prorogata per un ulteriore anno per i minori di trent’anni.

Dike Consulting, offre la possibilità a chi fosse interessato, di costituire società nelle isole Canarie, compresa l’apertura del conto corrente. Naturalmente l’assistenza legale e tributaria in loco in lingua italiana.

Per chi fosse interessato, Dike Consulting, attraverso contatti in loco è disponibile a trovare immobili sia per l’esercizio di un’attività commerciale o per uso privato.

Ricorda sempre che la fiscalità internazionale è una materia complessa che deve essere affrontata con i professionisti esperti del settore, per non incorrere in reati tributari e fiscali, sia in Italia che all’estero

Affidati a Dike Consulting !  

Clicca quì e prenota la tua consulenza personalizzata su Skype per l’apertura di una nuova società estera o per proteggere il tuo patrimonio.

www.dikeconsulting.eu

Facebook: Dike Consulting

Instagram: Dike Consulting

L'autore è stato iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti dal 1991 al 2017. Nel corso della sua vita professionale è stato Amministratore Unico di diverse società, membro di CdA di aziende a carattere nazionale. Ha una lunga esperienza di commercio e di Fiscalità internazionale, tax planning e mediazione internazionale. Si occupo di : - partecipazione in società di capitali, anche di diritto estero con relativa intestazione fiduciaria di azioni quotate e non, quote di srl; - intestazione fiduciaria di gestioni patrimoniali; - intestazione, amministrazione e custodia di patrimoni, donazioni, legati e fondazioni, titoli e valori mobiliari, gestione di lasciti e di esecuzioni testamentarie, amministrazione di eredità, successioni ereditarie; - partecipazione e rappresentanza in assemblee dei soci, degli azionisti; - gestione dei diritti di proprietà intellettuale; - rappresentanza in trattative di natura commerciale, per acquisizioni in Italia ed all'Estero; - costituzione di Fondazioni di diritto italiano ed estero; - assunzione di cariche sociali di Società e Fondazioni - amministrazioni di Trust con funzioni di Protector; - Intermediazione internazionale per l'acquisto o la vendita di prodotti o servizi; - tax planning e creazione di società all'estero; - delocalizzazione di imprese italiane all'estero; - trasferimento di aziende all'estero; - Temporary Manager sia in Italia che all'estero per le aziende nostre Clienti Collaborazioni con primarie strutture finanziarie e bancarie Contatti: info.dike.consulting@gmail.com Facebook: @difendiltuopatrimonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: