Fiscalità,  Patrimonio,  Società Fiduciarie,  Tutela Patrimoniale

Intestazione di versamenti soci in c/capitale, prestiti infruttiferi ed obbligazionari

L’OIC ( Organismo Italiano di Contabilità ) è stato costituito, nella veste giuridica di una fondazione, il 27 novembre 2001. Alla stipula dell’atto costitutivo hanno partecipato, in qualità di Fondatori, le organizzazioni rappresentative delle principali categorie di soggetti privati interessate alla materia.
In particolare, gli attuali Soci Fondatori sono: per la professione contabile, l’Assirevi, il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e il Consiglio Nazionale dei Ragionieri; per i preparers, l’Abi, l’Andaf, l’Ania, l’Assilea, l’Assonime, la Confagricoltura, la Confcommercio, la Confcooperative, la Confindustria e la Lega delle Cooperative; per gli users, l’Aiaf, l’Assogestioni e la Centrale Bilanci; per i mercati mobiliari, la Borsa Italiana.
I Ministeri della Giustizia e dell’Economia e delle Finanze, nonché le Autorità Regolamentari di Settore (Banca d’Italia, Consob e Isvap) hanno espresso il loro favore all’iniziativa.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype 

Le funzioni dell OIC sono

a) emanare i principi contabili nazionali, ispirati alla migliore prassi operativa, per la redazione dei bilanci secondo le disposizioni del codice civile; 
b) fornire supporto all’attività del Parlamento e degli Organi Governativi in materia di normativa contabile ed esprime pareri, quando ciò è previsto da specifiche disposizioni di legge o dietro richiesta di altre istituzioni pubbliche; 
c) partecipare al processo di elaborazione dei principi contabili internazionali adottati in Europa, intrattenendo rapporti con l’International Accounting Standards Board (IASB), con l’European Financial Reporting Advisory Group (EFRAG) e con gli organismi contabili di altri paesi. 

Il documento OIC 28,  esamina in maniera completa le tipologie di versamenti effettuati dai soci a favore della società da collocarsi nella voce AVII (Altre riserve) del patrimonio netto. Denominatore comune di tali versamenti è l’assenza del diritto alla restituzione da parte dei soci, in quanto gli stessi, a differenza dei finanziamenti erogati dai soci, sono collocati nel patrimonio netto e fanno parte della famiglia delle riserve di capitale. A tale proposito, si segnala che lo stesso documento OIC 28 distingue tra:

  • riserve di utili, che sono generalmente costituite in sede di riparto dell’utile netto di esercizio, mediante destinazione in una specifica riserva ovvero nella voce “Utili portati a nuovo” (voce AVIII del patrimonio netto);
  • riserve di capitale, che derivano generalmente da apporti di capitale effettuati dai soci senza una specifica delibera di aumento del capitale sociale, ovvero da conversione di obbligazioni in azioni, dalle rivalutazioni monetarie o dalla rinuncia da parte dei soci di precedenti finanziamenti eseguiti dagli stessi.

Relativamente a tale ultima famiglia, il documento OIC 28 contiene una disamina delle diverse diciture che i versamenti effettuati dai soci possono assumere, a ciascuna delle quali corrisponde un preciso vincolo di destinazione. È, pertanto, importante comprendere quali siano tali vincoli, così da consentire ai soci di eseguire i versamenti a favore della società con la necessaria consapevolezza delle conseguenze che ne derivano. Più in particolare, il documento OIC 28 prevede le seguenti tipologie di versamenti:

  • versamenti in conto aumento di capitale, in cui sono indicati gli importi di capitale sottoscritti dai soci in occasione di un aumento di capitale scindibile, quando la procedura sia ancora in corso alla data di chiusura del bilancio di esercizio. Tale ipotesi, del tutto residuale, si realizza in presenza di sottoscrizioni di aumenti di capitale effettuate dai soci nelle more dell’iscrizione della delibera nel registro imprese, poiché fino a tale data le somme versate non possono essere indicate quale capitale sociale, bensì nella predetta riserva di “transito”;
  • versamenti in conto futuro aumento di capitale, che rappresentano versamenti effettuati dai soci con lo specifico vincolo di destinazione del futuro aumento di capitale sociale. Si tratta, in altre parole, di versamenti anticipati eseguiti dai soci in vista di una delibera formale di aumento del capitale sociale, al fine di fornire provvista finanziaria alla società. Relativamente a tali versamenti, il documento OIC 28 precisa che gli stessi hanno uno specifico vincolo di destinazione e che non possono essere oggetto di restituzione ai soci. Tale vincolo deve sussistere sin dall’origine, ossia dal momento in cui i versamenti sono eseguiti, altrimenti tali somme devono essere allocate più correttamente tra i debiti della società verso i soci e non nel patrimonio netto;
  • versamenti in conto capitale, che rappresentano versamenti “generici” effettuati dai soci senza alcun vincolo di destinazione futuro. È evidente che tale riserva formata con tali versamenti è libera, nel senso che non essendovi alcuna destinazione specifica, la stessa può essere utilizzata sia internamente (per aumenti di capitale o per copertura perdite), ovvero per distribuzione ai soci, nel qual caso la stessa deve avvenire proporzionalmente alle quote di partecipazione al capitale degli stessi, anche se il versamento è avvenuto da parte di un solo socio, o da più soci in modo non proporzionale;
  • versamenti a copertura perdite, effettuati dai soci dopo che si sia manifestata una perdita, nel qual caso la riserva è destinata alla copertura delle predette perdite.
Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype 

A completamento di quanto indicato, nell’ambito delle riserve di patrimonio netto devono essere indicate anche quelle riserve che originano dalla rinuncia dei soci di precedenti finanziamenti eseguiti nei confronti della società con l’obiettivo di rafforzare il patrimonio netto. In altre parole, la rinuncia da parte del socio trasforma il debito della società in una posta di patrimonio netto avente natura di riserva di capitale, anche se il credito vantato dal socio era di natura commerciale. Infatti, nella versione revisionata del documento OIC 28qualsiasi rinuncia di un credito dei soci (sia finanziario sia commerciale) comporta l’iscrizione da parte della società di una riserva di patrimonio netto senza transito nel conto economico della società.

Naturalmente la Società Fiduciaria, quale intestataria di parte del capitale di una società, può, in nome proprio ma per conto e con provvista del Fiduciante, dotare la società dei mezzi finanziari occorrenti mediante finanziamenti infruttiferi sia in aumento di capitale sociale sia a copertura delle perdite.

Per info:

mail: info.dike.consulting@gmail.com

www.dikeconsulting.eu

Facebook: @difendiltuopatrimonio

 

L'autore è stato iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti dal 1991 al 2017. Nel corso della sua vita professionale è stato Amministratore Unico di diverse società, membro di CdA di aziende a carattere nazionale. Ha una lunga esperienza di commercio e di Fiscalità internazionale, tax planning e mediazione internazionale. Da oltre 20 anni ha fondato Dike Consulting, un network di studi professionali con 4 sedi ( Londra,Praga,Tirana, Malta ) e numerose collaborazioni con prestigiosi studi professionali nel mondo. Dike Consulting, assiste i Clienti esercitando le seguenti attività : - partecipazione in società di capitali, anche di diritto estero con relativa intestazione fiduciaria di azioni quotate e non. - intestazione fiduciaria di gestioni patrimoniali; - intestazione, amministrazione e custodia di patrimoni, donazioni, legati e Fondazioni. - partecipazione e rappresentanza in assemblee dei soci, degli azionisti; - gestione dei diritti di proprietà intellettuale; - rappresentanza in trattative di natura commerciale, in Italia ed all'Estero; - costituzione di Fondazioni di diritto italiano ed estero; - assunzione di cariche sociali di Società e Fondazioni - amministrazioni di Trust con funzioni di Protector; - Intermediazione internazionale per l'acquisto o la vendita di prodotti o servizi; - tax planning e creazione di società all'estero; - delocalizzazione e trasferimento di imprese italiane all'estero; - servizi di Temporary Manager sia in Italia che all'estero per le aziende nostre Clienti Collaborazioni con primarie strutture finanziarie e bancarie Contatti: info.dike.consulting@gmail.com Facebook: @difendiltuopatrimonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
Chatta con noi
Ciao, sono Marzia di Dike Consulting. Posso aiutarti ?
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: