Fiscalità internazionale,  Società estere,  Unione Europea

Brexit: come cambia l’IVA

Come ben sa il lettore affezionato di Dike Consulting, questo blog nel corso degli anni ha dedicato all’argomento Brexit molti articoli: Brexit, Lituania e licenze bancarie “light”, British Virgin Islands (BVI) e Brexit, Isola di Man, Jersey, Guernsey e la Brexit, Brexit: cittadini UE salvi grazie…. ad un italiano !, Decreto Brexit – cosa prevede, Brexit news – UK parteciperà alle prossime elezioni europee, Brexit: si ritorna al visto d’ingresso ?, Brexit – Quali scenari per i cittadini UE, Brexit e conti correnti in UK, Brexit: Mastercard aumenta le commissioni ai britannici

Dopo questi 2 mesi iniziali, nel corso dei quali ho ricevuto moltissime richieste di consulenza da parte di tanti italiani che operano nel Regno Unito con una Ltd, al fine di capire quali fossero le sostanziali variazioni sia al regime IVA che a quello fiscale, abbiamo deciso di scrivere questo articolo per chiarire i dubbi ancora irrisolti.

Prenota qui la tua consulenza personalizzata su Skype

Iniziamo con la premessa che in base alla normativa IVA, un soggetto non residente che fa in Italia operazioni rilevanti ai fini IVA, può adempiere ai relativi obblighi o esercitare i diritti nominando un rappresentante fiscale nel nostro Paese o identificandosi personalmente.

Nel caso poi della Brexit, per verificare la sussistenza delle condizioni previste occorre tener conto dell’accordo tra Regno Unito e Unione Europea, firmato il 24 dicembre 2020

L’Agenzia delle Entrate fornisce delle linee guida, con la risoluzione n. 7/E dell’ 1 febbraio 2020 in merito alla questione IVA sulla situazione Brexit.

“A partire dal 1° gennaio 2021, agli scambi commerciali con il Regno Unito, a seguito del suo recesso dalla Unione Europea ai sensi dell’articolo 50 del Trattato sull’Unione europea (TUE), si applicano le regole e le formalità di natura fiscale e doganale in vigore con i paesi terzi”. Questo è quello che si legge nella risoluzione n.7/E dell’Agenzia delle Entrate.

La normativa IVA

Quindi in particolare per quanto riguarda i soggetti Extra-UE, la possibilità di identificazione diretta è subordinata al rispetto di quanto previsto dal comma 5 dell’articolo 35- ter del decreto Iva: “possono avvalersi dell’identificazione diretta prevista dal presente articolo, i soggetti non residenti, che esercitano attività di impresa, arte o professione … in un paese terzo con il quale esistano strumenti giuridici che disciplinano la reciproca assistenza in materia di imposizione indiretta, analogamente a quanto previsto dalle direttive del Consiglio n. 76/308/Cee del 15 marzo 1976 e n. 77/799/Cee del 19 dicembre 1977 e dal regolamento (Cee) n. 218/92 del Consiglio del 27 gennaio 1992”.

Prenota qui la tua consulenza personalizzata su Skype

Nel caso specifico della Brexit, per verificare la sussistenza delle condizioni previste, occorre tener conto dell’accordo tra Regno Unito e Unione europea, firmato il 24 dicembre 2020 e finalizzato a regolare le relazioni tra i due sistemi economici del dopo Brexit.

L’accordo è entrato in vigore in via provvisoria il 1º gennaio 2021 e contiene un protocollo sulla cooperazione amministrativa e la lotta contro la frode in materia di imposta sul valore aggiunto e sull’assistenza reciproca in materia di recupero dei crediti risultanti da dazi e imposte.

Assistenza amministrativa

In ambito di assistenza amministrativa in materia di IVA, sono state previste le seguenti forme di assistenza:

  1. richiesta d’informazioni,
  2. richiesta di informazioni senza preventiva richiesta, presenza negli uffici amministrativi e partecipazione alle indagini amministrative svolte congiuntamente,
  3. richiesta di notifica amministrativa,
  4. controlli simultanei.

Il protocollo, corposo nella sua entità, in base all’esame delle disposizioni in esso contenute, può considerarsi sostanzialmente analogo agli strumenti di cooperazione amministrativa vigenti nella Unione europea.

Prenota qui la tua consulenza personalizzata su Skype

Questo consente di continuare ad applicare ai soggetti passivi del Regno Unito le disposizioni contenute nell’articolo 35-ter, comma 5, del decreto Iva.

“In conclusione, i soggetti passivi stabiliti nel Regno Unito possono accedere all’istituto dell’identificazione diretta al fine di assolvere gli obblighi ed esercitare i diritti in materia di IVA in Italia, in alternativa alla nomina di un rappresentate fiscale ai sensi dell’articolo 17, comma 2, del decreto IVA. Resta inteso che gli operatori del Regno Unito che già dispongono in Italia di un rappresentante fiscale Iva o di un identificativo IVA, nominato o rilasciato antecedentemente al 1° gennaio 2021, possono continuare ad avvalersene per le operazioni interne”.

Vi ricordiamo  sempre che la fiscalità internazionale è una materia complessa che deve essere affrontata con i professionisti esperti del settore, per non incorrere in reati tributari e fiscali, sia in Italia che all’estero.

Affidati a Dike Consulting per la tua pianificazione fiscale o per difendere il tuo patrimonio.

Prenota qui la tua consulenza personalizzata su Skype o in una delle nostre sedi

E ricorda, che acquistando il Libro “ESTERO SICURO” oltre a scoprire tantissime cose sulla fiscalità internazionale, potrai usufruire dello sconto del 50% sulla consulenza personalizzata. Il libro lo trovi in vendita su Amazon e nei principali e-book store.

Si, voglio acquistare il libro ESTERO SICURO ed usufruire del BONUS del 50% sul prezzo della mia consulenza personalizzata

Visita e metti ” mi piace” sulla nostra pagina Facebook

Siamo anche su Instagram

L'autore è stato iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti dal 1991 al 2017. Nel corso della sua vita professionale è stato Amministratore Unico di diverse società, membro di CdA di aziende a carattere nazionale. Ha una lunga esperienza di commercio e di Fiscalità internazionale, Tax planning e mediazione internazionale. Da oltre 20 anni ha fondato Dike Consulting, un network di studi professionali con 5 sedi ( Londra,Praga,Tirana, Malta e Pogdorica) e numerose collaborazioni con prestigiosi studi professionali nel mondo. Dike Consulting, assiste i Clienti esercitando le seguenti attività : - pianificazione fiscale internazionale per liberi professionisti, imprenditori ed imprese con relativa costituzione di società e veicoli giuridici - intestazione, amministrazione e custodia di patrimoni, donazioni, legati e Fondazioni. - partecipazione e rappresentanza in assemblee dei soci, degli azionisti; - gestione dei diritti di proprietà intellettuale; - rappresentanza in trattative di natura commerciale, in Italia ed all'Estero; - costituzione di Fondazioni di diritto italiano ed estero; - assunzione di cariche sociali di Società e Fondazioni - amministrazioni di Trust con funzioni di Protector; - Intermediazione internazionale per l'acquisto o la vendita di prodotti o servizi; - delocalizzazione e trasferimento di imprese italiane all'estero; - servizi di Temporary Manager sia in Italia che all'estero per le aziende nostre Clienti Collaborazioni con primarie strutture finanziarie e bancarie Contatti: info@dikeconsulting.eu Facebook: @difendiltuopatrimonio

Il Nuovo Libro di Estero Sicuro: Come puoi GUADAGNARE fino al 60% in più, con la pianificazione fiscale internazionale.GUARDA ORA
Open chat
Chatta con noi
Ciao, sono Marzia di Dike Consulting. Posso aiutarti ?