Fiscalità internazionale,  Società estere,  Unione Europea

Brexit – Quali scenari per i cittadini UE

Come ben sapere seguiamo ormai da diverso tempo la vicenda Brexit che sta sconvolgendo tutta la Gran Bretagna e la UE, ed abbiamo dedicato diversi articoli di questo blog: Brexit, Lituania e licenze bancarie “lite”, British Virgin Islands (BVI) e Brexit, Isola di Man, Jersey, Guernsey e la Brexit , Decreto Brexit – cosa prevede , e Brexit: si ritorna al visto d’ingresso ? , proprio perchè riteniamo che la Brexit sia un momento importante sia per il Regno Unito che per la UE.

Un momento importante perchè sono davvero centinaia le aziende in UK a capitale europeo, di cui tantissime a capitale italiano, così come sono migliaia i lavoratori italiani ed europei presenti in tutto il Regno Unito, con una ovvia concentrazione nell’area metropolitana di Londra. A questi si aggiungono gli studenti ed i turisti che ogni anno visitano il Regno Unito.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype

Vediamo dunque cosa si prospetta nel prossimo futuro, se ( in condizionale è d’obbgligo in uno scenario così complesso ) ci sarà la Brexit.

Fino al 31 ottobre, data di scadenza della Brexit, non ci sarà alcun problema: varranno ancora le norme sulla libera circolazione UE e i cittadini potranno stare tranquilli. Dopo il 31 dicembre 2020, con l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea, (con o senza accordo, questo cambierà le cose ovviamente) chi si trova in Gran Bretagna dovrà fare richiesta di “Settled” o “Pre-settled”»

Andiamo dunque a scoprire cosa sono queste due richieste:

– chi risiede in Gran Bretagna da più di 5 anni dovrà fare richiesta di Settled Status (status di immigrato) attraverso l’EU Settlement Scheme, una sorta di permesso di soggiorno. Chi invece è arrivato da meno di 5 anni dovrà richiedere il Pre-Settled Status attraverso la stessa procedura. La differenza è che il primo è un visto a tempo indeterminato, il secondo è temporaneo ma entrambi garantiscono la possibilità di continuare a risiedere nel Regno Unito.

Quali sono i requisiti per ottenere il Pre Settled Status?

Basta assicurare di essere stati presenti nel Regno Unito almeno un giorno negli ultimi sei mesi. Per provarlo è possibile presentare copie di bollette, estratti conto bancari o anche una semplice carta d’imbarco. Bisogna stare molto attenti a non farlo scadere se non si vuole perdere il diritto di fare domanda, trascorsi 5 anni di residenza nel regno Unito, del Settled Status.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype

Per quanto riguarda i nuovi trasferimenti, la situazione è incerta e cambia a seconda se verrà raggiunto un accordo oppure no. In caso di accordo, fino al 31 dicembre 2020 chi vuole trasferirsi beneficerà delle norme transitorie: dovrà fare domanda di Pre Settled Status e potrà mettersi in pari con chi è residente in UK da molto tempo. Se invece il Regno Unito lascerà l’Unione Europea senza accordo, non ci sarà più diritto alla libera circolazione.

Il discorso cambia se si vorra viaggare per il Regno unito per motivi si lavoro, turismo o studio. Infatti con l’uscita dall’Unione Europea, chi vorrà andare in UK dopo il 31 ottobre in caso di “No Deal”, potrà stare 3 mesi, come prevedono le norme internazionali e sarà necessario il timbro sul passaporto ( non dovendosi più riconoscere le carte di identità dei singoli Stati della UE, come documenti validi ) . Al momento non si prevede nessun visto di ingresso, ma ripetiamo la situazione è abbastanza confusa e noi continuare a darvi tutti gli aggiornatmenti, perchè tuteliamo i nostri Clienti ed i nostri affezionati lettori, mettendoli sempre a conoscenza di tutto.

Ricorda sempre che la fiscalità internazionale è una materia complessa che deve essere affrontata con i professionisti esperti del settore, per non incorrere in reati tributari e fiscali, sia in Italia che all’estero.

Affidati a Dike Consulting !

Prenota la tua consulenza personalizzata su Skype per l’apertura di una nuova società estera o per proteggere il tuo patrimonio.

www.dikeconsulting.eu

Facebook: Dike Consulting

Instagram: Dike Consulting

L'autore è stato iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti dal 1991 al 2017. Nel corso della sua vita professionale è stato Amministratore Unico di diverse società, membro di CdA di aziende a carattere nazionale. Ha una lunga esperienza di commercio e di Fiscalità internazionale, tax planning e mediazione internazionale. Da oltre 20 anni ha fondato Dike Consulting, un network di studi professionali con 4 sedi ( Londra,Praga,Tirana, Malta ) e numerose collaborazioni con prestigiosi studi professionali nel mondo. Dike Consulting, assiste i Clienti esercitando le seguenti attività : - partecipazione in società di capitali, anche di diritto estero con relativa intestazione fiduciaria di azioni quotate e non. - intestazione fiduciaria di gestioni patrimoniali; - intestazione, amministrazione e custodia di patrimoni, donazioni, legati e Fondazioni. - partecipazione e rappresentanza in assemblee dei soci, degli azionisti; - gestione dei diritti di proprietà intellettuale; - rappresentanza in trattative di natura commerciale, in Italia ed all'Estero; - costituzione di Fondazioni di diritto italiano ed estero; - assunzione di cariche sociali di Società e Fondazioni - amministrazioni di Trust con funzioni di Protector; - Intermediazione internazionale per l'acquisto o la vendita di prodotti o servizi; - tax planning e creazione di società all'estero; - delocalizzazione e trasferimento di imprese italiane all'estero; - servizi di Temporary Manager sia in Italia che all'estero per le aziende nostre Clienti Collaborazioni con primarie strutture finanziarie e bancarie Contatti: info.dike.consulting@gmail.com Facebook: @difendiltuopatrimonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
Chatta con noi
Ciao, sono Marzia di Dike Consulting. Posso aiutarti ?
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: