Cookie Policy Decreto Brexit – cosa prevede – DIKE CONSULTING
Fiscalità internazionale,  Società estere

Decreto Brexit – cosa prevede

E stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 71 del 25 marzo 2019 il decreto-legge 25 marzo 2019 n. 22 recante misure urgenti per assicurare sicurezza, stabilità finanziaria e integrità dei mercati, nonché tutela della salute e della libertà di soggiorno dei cittadini italiani e di quelli del Regno Unito, in caso di recesso di quest’ultimo dall’Unione europea (c.d. Decreto Brexit).

Il decreto introduce norme volte a disciplinare ambiti specifici relativi a:

  • esercizio dei poteri speciali nei settori di rilevanza strategica;
  • misure dirette a disciplinare le conseguenze del possibile recesso del Regno Unito dall’Unione europea;
  • mantenimento, con alcune modifiche, dello schema di concessione della garanzia dello Stato sulla cartolarizzazione di sofferenze (GACS).
Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype 

Il decreto entra in vigore a partire dal 26 marzo 2019.

Il decreto è composto da 18 articoli previsti per prepararsi al peggio. Il cosiddetto “decreto Brexit” è da oggi in vigore, anche se le norme valgono solo in caso di uscita senza accordo e regola i futuri rapporti tra Italia e Regno Unito in una fase transitoria.

Limitare i danni è la parola d’ordine e non per caso tutta la prima parte del provvedimento è dedicata a “garantire la stabilità e integrità del sistema finanziario”, ovvero regolare l’attività degli operatori britannici presenti in Italia e quelli italiani attivi in Gran Bretagna.

In sostanza punta a ricreare, in modo unilaterale, lo scenario dell’uscita morbida previsto dalle indicazioni della bozza di Bruxelles e finora non approvate da Londra.

Si comincia così dalle banche targate UK che nel nostro Paese sono una settantina, a cui è garantito un periodo di operatività transitorio di 18 mesi dall’hard exit.

Per quelle che vorranno aderire al sistema italiano di tutela dei depositi, potranno farlo entro tre mesi. Il decreto riguarda la serie completa degli operatori oltre alle banche come le assicurazioni e i fondi pensione britannici. Naturalmente il regime di proroga dovrà essere notificato alle autorità italiane, Banca d’Italia, CONSOB e IVASS e comunicato ai correntisti.

I dubbi sull’efficacia del decreto vengono a galla sulla vigilanza, finora garantita dal cappello delle autorità europee (BCE, ESMA, EIOPA) e indirettamente di quelle italiane. L’uscita senza accordo significa nella sostanza un “ liberi tutti”, e non sarà un decreto approvato unilateralmente a evitare i rischi. In sostanza, pur prevedendo che i soggetti possano continuare a operare “in conformità alle disposizioni in materia bancaria e finanziaria loro applicabili al giorno antecedente alla data di recesso”, l’operatività dei controlli si presenta molto complicata.

Vuoi saperne di più ? Richiedi subito la tua consulenza personalizzata via Skype 

In condizioni di reciprocità dovrebbero continuare a operare anche i soggetti italiani in attività nella City, “nel rispetto delle disposizioni stabilite dal Regno Unito”, norme che però, allo stato, non conosciamo né noi né loro. E’ questa la sintesi migliore dell’intreccio d’incertezza in cui la Brexit ci fa cascare: nulla è noto nel momento in cui saltano le regole di un mercato come quello finanziario, probabilmente il più globalizzato di tutti.

Il decreto dedica alcuni articoli anche alla tutela dei cittadini del Regno Unito e loro familiari che risiedono in territorio italiano. I britannici, che vivono da almeno cinque anni nel nostro Paese, potranno chiedere il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo  periodo, valido fino al 1 gennaio 2021. Previste garanzie anche in materia sanitaria e sicurezza sociale con la proroga in regime transitorio fino alla fine del 2020, della validità della carta sanitaria europea. E gli italiani che vivono nel Regno Unito? Finora le autorità britanniche hanno annunciato di voler garantire reciprocità di trattamento ma le disposizioni non sono ancora note. Il decreto prevede tuttavia il potenziamento dei servizi consolari in UK, stanziando circa 6 milioni di euro l’anno per manutenzione, ristrutturazione e acquisto di immobili, per finanziare nuove attrezzature e per l’aumento di personale delle sedi diplomatiche.

Come abbiamo sempre promesso, vi terremo aggiornati sulla vicenda Brexit e sui suoi risvolti sul campo del fisco e dell’economia.

Ricorda sempre che la fiscalità internazionale è una materia complessa che deve essere affrontata con i professionisti esperti del settore, per non incorrere in reati tributari e fiscali, sia in Italia che all’estero.

Affidati a Dike Consulting !  

Prenota la tua consulenza personalizzata su Skype per l’apertura di una nuova società estera o per proteggere il tuo patrimonio.

www.dikeconsulting.eu

Facebook: Dike Consulting

Instagram: Dike Consulting

L'autore è stato iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti dal 1991 al 2017. Nel corso della sua vita professionale è stato Amministratore Unico di diverse società, membro di CdA di aziende a carattere nazionale. Ha una lunga esperienza di commercio e di Fiscalità internazionale, tax planning e mediazione internazionale. Da oltre 20 anni ha fondato Dike Consulting, un network di studi professionali con 4 sedi ( Londra,Praga,Tirana, Malta ) e numerose collaborazioni con prestigiosi studi professionali nel mondo. Dike Consulting, assiste i Clienti esercitando le seguenti attività : - partecipazione in società di capitali, anche di diritto estero con relativa intestazione fiduciaria di azioni quotate e non. - intestazione fiduciaria di gestioni patrimoniali; - intestazione, amministrazione e custodia di patrimoni, donazioni, legati e Fondazioni. - partecipazione e rappresentanza in assemblee dei soci, degli azionisti; - gestione dei diritti di proprietà intellettuale; - rappresentanza in trattative di natura commerciale, in Italia ed all'Estero; - costituzione di Fondazioni di diritto italiano ed estero; - assunzione di cariche sociali di Società e Fondazioni - amministrazioni di Trust con funzioni di Protector; - Intermediazione internazionale per l'acquisto o la vendita di prodotti o servizi; - tax planning e creazione di società all'estero; - delocalizzazione e trasferimento di imprese italiane all'estero; - servizi di Temporary Manager sia in Italia che all'estero per le aziende nostre Clienti Collaborazioni con primarie strutture finanziarie e bancarie Contatti: info.dike.consulting@gmail.com Facebook: @difendiltuopatrimonio

Leave a Reply

Open chat
Chatta con noi
Ciao, sono Marzia di Dike Consulting. Posso aiutarti ?