Fiscalità internazionale

Patent box esteso. La Svizzera ritornerà ad essere un Paradiso Fiscale ?

A denti stretti la Svizzera, negli scorsi anni si è dovuta adeguare alle normative OCSE, CRS e FACTA al fine di evitare di essere messa all’angolo nell’ormai sparuto gruppetto di “Giurisdizioni non collaborative”.

Però a lungo andare, gli amici svizzeri, pur avendo fatto grandi aperture normative alle nuove tecnologie ( Blockchain in testa ) hanno capito che a vivere di cioccolatto, formaggio, orologi e coltellini si fà una grande fatica.

Prenota qui la tua consulenza personalizzata su Skype o in una delle nostre sedi

Quindi abbiamo assistito nei giorni scorsi alla presentazione, presso il Dipartimento Federale delle Finanze (DFF), da parte di un gruppo di esperti di 16 proposte che dovrebbero rafforzare il Paese dei Cantoni.

Il fine di queste proposte è quello di migliorare «le condizioni per il settore privato e fare della Svizzera una piazza attrattiva per gli investimenti».

Al momento vige il massimo riserbo su queste proposte ed i campi d’azione, per ora, sono esposti in termini generici e non descrivono ancora misure concrete, ma credo che alla base ci siano una riforma del sistema fiscale.

Per promuovere la ricerca e lo sviluppo, il report raccomanda un’estensione del patent box svizzero ai diritti d’autore per il software o alle proprietà immateriali come disegni o altro know-how tecnico.

Il patent box potrebbe anche essere esteso ai diritti accessori per sostenere le aziende che non hanno brevetti sui loro servizi o prodotti innovativi.

Prenota qui la tua consulenza personalizzata su Skype o in una delle nostre sedi

Si raccomanda anche di espandere i limiti di sgravio per i costi di ricerca e sviluppo, evidenziando che i maggiori benefici aumenterebbero l’attrattiva della Svizzera come sede di imprese con un alto livello di innovazione.

Sarà fondamentale mantenere la prassi in materia di ruling fiscali, che contribuiscono alla certezza del diritto e della pianificazione e sono un pilastro portante del sistema fiscale svizzero.

Le imposte cantonali sul capitale e sul patrimonio, inoltre, dovrebbero essere ridotte, infatti la riduzione delle imposte, che erodono la sostanza rafforza la resistenza delle imprese, incentiva gli investimenti e aumenterà l’attrattiva della Svizzera per le imprese ad alto livello di capitalizzazione.

In questo studio si raccomanda anche di espandere la compensazione delle perdite, attualmente limitata a sette anni, per rafforzare la capacità delle imprese di assumere rischi e di limitare le eccezioni e le deduzioni al fine di ottenere aliquote d’imposta moderate, incoraggiando la trasparenza e l’efficienza nell’imposizione del reddito.

Novità anche sul fronte dell’IVA , con una proposta di riduzione delle diverse differenziazioni e relative eccezioni. Con un’ IVA uniforme e minori eccezioni si garantirebbe allo Stato un gettito fiscale elevato.

Prenota qui la tua consulenza personalizzata su Skype o in una delle nostre sedi

In questo report, gli esperti suggeriscono anche di sperimentare una cultura fiscale orientata alla clientela.

“Una cultura fiscale caratterizzata dalla fiducia e dal rispetto reciproco è un importante vantaggio competitivo che va tutelato” si legge testualmente.

Su alcuni punti del report è già stato avviato l’iter legislativo (ritenuta sugli interessi, soppressione della tassa d’emissione sul capitale proprio, soppressione parziale della tassa di negoziazione e introduzione dell’imposta sul tonnellaggio), per gli altri invece le proposte saranno presentate al Consiglio Federale il prossimo Giugno.

Vi ricordiamo  sempre che la fiscalità internazionale è una materia complessa che deve essere affrontata con i professionisti esperti del settore, per non incorrere in reati tributari e fiscali, sia in Italia che all’estero.

Affidati a Dike Consulting per la tua pianificazione fiscale o per difendere il tuo patrimonio.

Prenota qui la tua consulenza personalizzata su Skype o in una delle nostre sedi

E ricorda, che acquistando il Libro “Estero Sicuro” oltre a scoprire tantissime cose sulla fiscalità internazionale, potrai usufruire dello sconto del 50% sulla consulenza personalizzata. Il libro lo trovi in vendita su Amazon

Visita e metti ” mi piace” sulla nostra pagina Facebook

Siamo anche su Instagram

L'autore è stato iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti dal 1991 al 2017. Nel corso della sua vita professionale è stato Amministratore Unico di diverse società, membro di CdA di aziende a carattere nazionale. Ha una lunga esperienza di commercio e di Fiscalità internazionale, Tax planning e mediazione internazionale. Da oltre 20 anni ha fondato Dike Consulting, un network di studi professionali con 5 sedi ( Londra,Praga,Tirana, Malta e Pogdorica) e numerose collaborazioni con prestigiosi studi professionali nel mondo. Dike Consulting, assiste i Clienti esercitando le seguenti attività : - pianificazione fiscale internazionale per liberi professionisti, imprenditori ed imprese con relativa costituzione di società e veicoli giuridici - intestazione, amministrazione e custodia di patrimoni, donazioni, legati e Fondazioni. - partecipazione e rappresentanza in assemblee dei soci, degli azionisti; - gestione dei diritti di proprietà intellettuale; - rappresentanza in trattative di natura commerciale, in Italia ed all'Estero; - costituzione di Fondazioni di diritto italiano ed estero; - assunzione di cariche sociali di Società e Fondazioni - amministrazioni di Trust con funzioni di Protector; - Intermediazione internazionale per l'acquisto o la vendita di prodotti o servizi; - delocalizzazione e trasferimento di imprese italiane all'estero; - servizi di Temporary Manager sia in Italia che all'estero per le aziende nostre Clienti Collaborazioni con primarie strutture finanziarie e bancarie Contatti: info@dikeconsulting.eu Facebook: @difendiltuopatrimonio

Il Nuovo Libro di Estero Sicuro: Come puoi GUADAGNARE fino al 60% in più, con la pianificazione fiscale internazionale.GUARDA ORA
Open chat
Chatta con noi
Ciao, sono Marzia di Dike Consulting. Posso aiutarti ?